Michael Schumacher, come sta?/ A 7 anni dall’incidente nessuno sa ancora nulla

- Claudio Franceschini

Michael Schumacher, come sta? A 7 anni dall’incidente di Méribel le condizioni di salute del pilota tedesco sono ancora avvolte da un mistero totale, la famiglia ha mantenuto la privacy.

michael schumacher
Michael Schumacher (Foto LaPresse)

MICHAEL SCHUMACHER, COME STA?

Come sta realmente Michael Schumacher? Nessuno lo sa con certezza. Ieri ricorreva il settimo anniversario dell’incidente occorso al campionissimo di Formula 1, caduto sulla neve di Méribel mentre sciava. Da quel momento le notizie si sono rincorse, ma non c’è mai stato niente di certo: miglioramenti e peggioramenti, spostamenti di sede per nuove cure, ma la verità è che il muro di privacy innalzato dalla famiglia ha funzionato alla perfezione. Giusto così: la moglie Corinne e i figli hanno dichiarato da subito di voler vivere questo dramma tra le mura familiari, ed è andata esattamente in questo modo. Negli ultimi anni, di Michael Schumacher abbiamo sentito parlare solo in maniera marginale o indiretta: qualche speculazione sulle sue condizioni di salute, e il fatto che nella stagione di Formula 1 segnata dal Coronavirus e dal post-lockdown Lewis Hamilton gli abbia portato il via il record di gare vinte ed eguagliato quello dei sette mondiali. È stato un altro modo per celebrare la grandezza di Schumi, ma come stia davvero è una cosa che ancora non sappiamo.

IL RISERBO SULLE CONDIZIONI DI SCHUMACHER

Oggi che il figlio Mick Schumacher è entrato ufficialmente nella Formula 1 – guiderà la Haas, dopo aver vinto il campionato di Formula 2 – abbiamo avuto l’occasione per ricordare ancora una volta Michael. Del quale ha recentemente parlato Luca Badoer: lo aveva già fatto Felipe Massa, dicendo di conoscere le sue condizioni di salute ma di non voler dire niente se non che “sta vivendo una situazione complicata”. L’ex collaudatore della Ferrari, che è un amico di Schumacher tanto da avergli fatto fare il padrino di battesimo di uno dei figli, è uno dei pochissimi che lo vanno regolarmente a trovare: tra gli altri c’è anche Jean Todt, oggi presidente FIA e che all’epoca era Team Principale della Rossa che Schumi aveva portato a dominare il circuito. Badoer, intervistato da Libero Quotidiano, non ha rivelato nulla: ha parlato di un dramma e ha subito aggiunto di non voler dire alcunchè sulle reali condizioni di salute del tedesco. E dunque, a sette anni dal gravissimo incidente sulle nevi di Méribel, sulla salute di Michael Schumacher c’è un enorme riserbo: siamo contenti che la famiglia sia riuscita a vivere nel privato questo dramma, anche se noi pure vorremmo avere la notizia che l’ex campione di Formula 1 sta finalmente bene.







© RIPRODUZIONE RISERVATA