Migranti col covid in fuga in Basilicata/ In 20 scappati da centro di accoglienza

- Davide Giancristofaro Alberti

Migranti con il covid in fuga in Basilicata: paura nella Lucania dopo che alcuni immigrati con il coronavirus hanno lasciato il centro di accoglienza di Matera

rivolta migranti
Rivolta migranti in centro accoglienza (immagini repertorio, LaPresse)

Paura in Basilicata dopo che alcuni migranti positivi al coronavirus sono scappati dal centro di accoglienza temporaneo presente in quel di Ferrandina, piccolo comune in provincia di Matera. In totale, come scrive stamane l’edizione online del quotidiano Il Giornale, sono una ventina (sui cento giunti negli scorsi giorni da Lampedusa), quelli che sono fuggiti nel cuore della notte, come comunicato attraverso una nota da parte della prefettura di Matera, che specifica che la fuga sia avvenuta “nonostante la presenza in loco di un servizio fisso di pattuglie delle forze di polizia”. Undici sono stati ritrovati pressoché all’istante, ma ne mancano all’appello ancora nove, tutti migranti originari della Tunisia, di cui tre positivi al covid. Gli agenti stanno battendo la zona a tappeto per evitare la diffusione del virus incontrollata, e ognuno dei 9 migranti è fotosegnalato e inserito nella banca dati delle forze di polizia, nel frattempo, la vigilanza presso il centro di accoglienza di Matera è stata rafforzata, evitando che si verifichino altri episodi di questo tipo.

MIGRANTI CON IL COVID IN FUGA IN BASILICATA: IL COMMENTO DEL GOVERNATORE BARDI

Sulla vicenda si è espresso Vito Bardi, presidente della Regione Basilicata, che attraverso Facebook ha fatto sapere: “la Regione ha la situazione sotto controllo”, per poi fare un appello al governo Conte chiedendo di “interrompere il trasferimento di immigrati nei nostri centri di accoglienza che sono al limite del collasso. Non vorrei vedermi costretto, come ultima ratio, a chiedere la chiusura, anche per motivi sanitari, di quei centri che non rispettino i protocolli previsti dalla legge. Il mio è un appello al buon senso, che rivolgo innanzitutto ai ministri lucani presenti nel Governo Conte. La regione Basilicata è, e rimarrà, accogliente per tutti, ma vogliamo il rispetto delle leggi e delle profilassi sanitarie”. Sul caso ha detto la sua anche il leader della Lega, Matteo Salvini, “#governoclandestino che spalanca i porti mette in pericolo l’Italia”, ha scritto l’ex ministro, facendo un elenco di tutti i centri di accoglienza da nord a sud dove si trovano i migranti positivi al covid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA