Milano, dal 7 gennaio ingressi scuole scaglionati/ Apertura negozi slitta alle 10.15

- Silvana Palazzo

Milano, l’annuncio del sindaco Beppe Sala: dal 7 gennaio ingressi scuole scaglionati, si entra alle 8 e alle 9.30. L’apertura dei negozi slitta alle 10.15 per evitare assembramenti sui mezzi

milano nuova giunta sala
Beppe Sala, sindaco di Milano (LaPresse, 2020)

Mentre il governo lavora al Dpcm Natale, il sindaco di Milano prepara il dopo-feste. Nel capoluogo lombardo, infatti, dal 7 gennaio i negozi apriranno alle ore 10:15 per evitare assembramenti sui mezzi pubblici al mattino, che avranno già studenti e lavoratori che cominciano molto presto i turni. Lo ha annunciato Beppe Sala, spiegando a Timeline su Sky Tg24 di aver ricevuto una comunicazione da parte del prefetto Renato Saccone. «Dal 7 gennaio i negozi di Milano, esclusi gli alimentari e i bar, apriranno alle 10:15 e così scaglioniamo un po’ gli orari della città».

L’obiettivo è permettere alle scuole superiori di riaprire, con la didattica in presenza al 75%. A tal proposito, si predispongono ingressi scaglionati su due turni. «Coordinati dal prefetto abbiamo lavorato in questi giorni, perché il tema non è tanto l’ingresso nelle scuole o il momento di vita delle ore scolastiche, ma sono i mezzi di trasporto. E quindi il tema è scaglionare gli orari», ha aggiunto il primo cittadino del capoluogo lombardo, dicendosi fermamente convinto della necessità di riportare gli studenti a scuola.

MILANO, COSA CAMBIA PER SCUOLE E NEGOZI

Il sindaco di Milano Beppe Sala ha chiarito, sempre per quanto riguarda le scuole, che in parte la didattica resterà a distanza. «Ma quello che noi vorremmo fare è garantire che si possa portare un 75 per cento di presenza nelle scuole», ha dichiarato a Sky Tg24. A tal proposito, ha annunciato che «una parte delle classi entreranno alle 8 una parte alle 9:30». Per Beppe Sala questo è quello che si può fare, e ciò rappresenta un esempio secondo lui «di come si possa e si debba lavorare in collaborazione». Quindi, ha ringraziato il prefetto: «Perché da questo punto di vista la sua regia è stata importante». Il sindaco di Milano è poi entrato nel merito delle decisioni del governo sul Natale: «Chiediamo certezza: sapere le cose e permettere che ci si organizzi». Inoltre, ha confermato che verranno intensificati i controlli: «Si presidieranno in particolare i luoghi di transito, tutti gli uomini e le donne delle forze dell’ordine disponibili saranno per la città, ma ho chiesto che siano tutti in divisa e nessuno in borghese».



© RIPRODUZIONE RISERVATA