Milano, esplode sigaretta elettronica/ 36enne ustionato a mano, gamba e genitali

- Silvana Palazzo

Milano, esplode sigaretta elettronica all’improvviso: 36enne finisce in ospedale. Ha riportato ustioni a mano, gamba e genitali in seguito all’incidente

sigaretta elettronica fumo nicotina
Lapresse

Pauroso incidente a Milano, dove ad un uomo è esplosa la sigaretta elettronica e per questo è finito in ospedale. È accaduto nella mattinata di oggi, lunedì 18 gennaio 2021, in via Giovanni Boccaccio, in zona Conciliazione. Pare che l’uomo stesse camminando per strada quando è rimasto ustionato dallo scoppio. Dopo l’esplosione della sigaretta elettronica, il 36enne è rimasto ferito alla mano sinistra, ad una gamba e ai genitali. L’allarme è scattato alle 8, quando sul posto è arrivata un’ambulanza del 118. I soccorritori hanno prestato le prime cure al 36enne e poi lo hanno trasportato all’ospedale Niguarda di Milano circa mezz’ora dopo in codice giallo. In seguito all’improvviso scoppio della sua sigaretta elettronica, l’uomo ha riportato ustioni di primo e secondo grado. L’incidente avrebbe potuto provocare danni più gravi, oltre a quelli che l’uomo ha subìto e con cui ora deve fare i conti.

MILANO, ESPLODE SIGARETTA ELETTRONICA: USTIONATO 36ENNE

Secondo quanto riferito dai medici del 118, citati da Il Messaggero, l’uomo di 36 anni stava percorrendo via Boccaccio, alle 8 di questa mattina, non lontano dalla centrale piazza Cadorna. Le fiamme scaturite dall’esplosione della sigaretta elettronica avrebbe provocato bruciature anche all’avambraccio sinistro. Evidentemente la sigaretta elettronica si trovava in tasca o forse l’uomo la teneva in mano all’altezza dei fianchi, che però non sono stati interessati dall’ustione. Tra le ipotesi prende quota quella della presenza del dispositivo nei pantaloni. Fortunatamente comunque le condizioni dell’uomo non sono gravi. La vicenda riporta a galla il tema dei rischi legati all’uso di questi dispositivi. Va precisato che ad esplodere è la batteria, che fornisce la corrente per l’alimentazione. La batteria può surriscaldarsi, andare a fuoco o appunto esplodere. Attenzione, quindi, a non lasciare in carica per molte ore la sigaretta elettronica e a eventuali surriscaldamenti anomali. Infine, è importante verificare sempre, spiega Il Giorno, che l’atomizzatore sia ben saldo e correttamente avvitato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA