Milano Rally Show 2019/ Il 15 e 16 giugno torna in città la kermesse motoristica

Milano Rally Show 2019: il 15-16 giugno torna all’ombra del Duomo la kermesse motoristica cittadina tra “prove speciali” e iniziative dedicate agli appassionati delle quattro ruote

Milano Rally Show
Milano Rally Show (Instagram, 2019)

All’ombra del Duomo questo weekend tornano lo spettacolo e il rombo dei motori del Milano Rally Show 2019, una due giorni nel cuore della città per quello che oramai è diventato un piacevole appuntamento: infatti sabato 15 e domenica 16 giugno è in programma la kermesse motoristica a cui è possibile assistere in modo totalmente gratuito e che sarà caratterizzata da diverse “prove speciali” che vedranno alcune automobili diventate nel corso degli anni dei veri e propri miti per gli appassionati di rally (una su tutte la oramai iconica Lancia Delta HF Integrale che in passato ha mietuto successi sui percorsi sterrati di tutto il mondo) oltre alla partecipazione di diversi equipaggi che si sfideranno sui circuiti del capoluogo a bordo di vetture moderne oppure nella sezione dedicata alle auto storiche. Ma vediamo in cosa consiste il programma dell’edizione di quest’anno del Milano Rally Show, le novità previste e anche il parterre di ospiti che seguirà e racconterà l’evento meneghino.

TORNA IL RALLY NELLE STRADE DI MILANO

Il Milano Rally Show 2019, giunto oramai alla sua terza edizione e organizzato da Beniamino Lo Presi con il contributo della Regione Lombardia e grazie anche al patrocinio del Comune, ha come sua principale caratteristica quella di portare una delle più avvincenti e difficili discipline dell’automobilismo all’interno della metropoli e in particolare in quelli che sono alcuni dei luoghi simbolo, vale a dire ovviamente Piazza Duomo, Piazza della Scala e lo stadio “Giuseppe Meazza” a San Siro e, fuori Milano, anche le ‘sopraelevate’ dell’Autodromo Nazionale di Monza e infine la pista di Arese. Insomma, un appuntamento che mostra come lo sport “diventi sempre più per tutti e inclusivo, come Milano è in grado di dimostrare” ha spiegato nella conferenza stampa di presentazione l’assessore allo Sport e Giovani della giunta regionale, ricordando come il Rally Show punterà anche a coinvolgere pure i ragazzi disabili grazie a iniziative speciali quali la cosiddetta “Mototerapia” proposta da Vanni Oddera. E tra i progetti degli organizzatori per l’edizione del 2020 c’è anche l’idea di portare la kermesse a Dubai in modo da offrire alle bellezze del territorio lombardo una vetrina internazionale.

IL PROGRAMMA DELL’EDIZIONE 2019

Per l’edizione 2019 del Rally Show di Milano, patrocinata da Pirelli e dedicata eccezionalmente alla memoria di Niki Lauda scomparso meno di un mese fa e aperta ad appassionati delle quattro ruote ma non solo, il programma ufficiale precede che sabato 15 giugno le auto, scortate dalla Polizia Locale, partiranno dall’area dello stadio per sfilare tra le principali vie del centro cittadino per arrivare poi in Piazza Duomo dove si terrà la cerimonia di partenza alle ore 16: in totale saranno nove le “prove speciali” a cronometro mentre l’evento principale di domenica 16 sarà il Master Show in programma a San Siro e che, beneficiando anche della diretta televisiva (con Automoto Tv sul canale 228 di Sky e pure con delle “finestre” live garantite dalle reti Mediaset), di fatto chiuderà la due giorni motoristica. A dare da ‘apripista’ alla manifestazione ci sarà al volante l’ex pilota Miki Biasion che farà però anche da commentatore nel corso delle prove: il 61enne bi-campione del mondo di rally proprio su Delta Integrale sarà uno dei volti dello show insieme ad altre personalità note di questo mondo. Infine, ricordando che per tutti gli orari e le info si può fare riferimento al sito ufficiale e ai canali social collegati, si segnala che nel Piazzale di San Siro saranno organizzate gratuitamente tutte le attività di intrattenimento per il pubblico e che tra gli eventi collaterali, oltre a quello della Mototerapia, si segnalano anche una karting school, il motocross free style, un test drive Ferrari e Lamborghini e la possibilità di ammirare Legend Cars e American History Cars, oltre a quella di provare i simulatori professionali di guida per le vetture di Formula 1 e di rally.

© RIPRODUZIONE RISERVATA