FORZA NUOVA / Il Comune assegna una nuova sede, le opposizioni insorgono

- La Redazione

L’amministrazione concede al movimento di estrema destra un immobile in corso Buenos Aires: è polemica

forza_nuova_manifestazione_bandiere_R400

Una nuova sede in pieno centro per Forza Nuova. Ed è subito polemica. Fa discutere l’assegnazione di un immobile in corso Buenos Aires 22 al movimento di estrema destra. Sul banco degli imputati c’è l’amministrazione comunale di Milano.

Forza Nuova ha partecipato a un regolare bando comunale per ottenere lo spazio, auto-definendosi come “associazione culturale e sociale senza scopo di lucro”. Gli uffici tecnici hanno dato il via libera e così il movimento nato nel 1997 dalla scissione all’interno della Fiamma Tricolore avrà una nuova sede in centro, che si va ad aggiungere a quella storica di piazza Aspromonte. Il tutto versando poco più di 19mila euro alle casse comunali. E pensare che la base d’asta partiva da 18mila euro.

Nel centro-sinistra non l’hanno presa bene. Il capogruppo del Pd in consiglio comunale,  Pierfrancesco Majorino, si è detto “indignato” e ha chiesto alla Moratti di “togliere tutte le sedi a Forza Nuova”, giudicando l’assegnazione “un insulto a tutte le associazioni di volontariato”. Critiche anche da Rifondazione comunista. “È un atto vergognoso, offensivo e inaccettabile”.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SULLA NUOVA SEDE DI FORZA NUOVA A MILANO 

La replica di Forza Nuova è affidata al portavoce Marco Mantovani. “A differenza di altri, noi non occupiamo illegalmente gli spazi, ma paghiamo regolarmente l’affitto al Comune. E poi siamo un partito che si presenta alle elezioni, dunque abbiamo diritto di fare propaganda politica”.

 

A Palazzo Marino fanno spallucce. “L’istruttoria per l’assegnazione è stata gestita in sede tecnica, e non politica, dagli esperti indicati dalla commissione consiliare Demanio – dice marco Osnato, consigliere comunale del Pdl-. Dunque si vede che Forza Nuova aveva i requisiti. In fondo si presenta anche alle elezioni, anche se con poco successo. E poi Milano è già piena di sedi concesse a chi inneggia alla lotta violenta del proletariato contro il capitalismo, non penso che la nuova sede di Forza Nuova costituirà un pericolo per la democrazia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori