MILANO / Piazza Duomo, aperto il presepe meccanico

- La Redazione

Aperto tutti i giorni fino al 9 gennaio dalle 9 alle 20

presepi_napoli_san_gregorio_armenoR375_24nov09

Da ieri e fino al 9 gennaio i milanesi possono vedere il loro presepe meccanico accanto al Duomo e più precisamente in corso Vittorio Emanuele, di fronte alla Rinascente.

L’installazione è visibile al pubblico dalle ore 9 alle 20. È composta da 150 statue automatizzate, inserite in una suggestiva ambientazione di tre piani, che riproduce il fascino della natività.

Erano trent’anni che il presepe automatizzato non veniva installato in centro a Milano. La grande natività ha una superficie di oltre 36 metri quadrati, 9 metri di lunghezza, 4 di profondità e 3 di altezza.

Il recupero e il ricollocamento di questa tradizione nasce dalla collaborazione tra l’amministrazione comunale e il quotidiano “il Giorno”. “Dopo circa trent’anni – ha sottolineato il Sindaco Letizia Moratti – Milano ritrova il suo antico presepe meccanico, un simbolo che, negli anni Settanta, durante le festività natalizie, illuminava il cuore della nostra città. Una tradizione importante che abbiamo voluto recuperare e che consentirà ai milanesi e a tutti i visitatori di rivivere le emozioni, i significati e i valori più autentici e profondi del Natale”.

CLICCA QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE 

LA NOTIZIA SUL PRESEPE MECCANICO DI MILANO

Ritrovato presso il caveau dei Beni Culturali di Genova, grazie all’interessamento del quotidiano “Il Giorno”, il presepe è stato realizzato a partire dal 1920 dall’artigiano di Carmagnola Franco Curti, prendendo spunto dalla più classica delle iconografie: si compone di oltre 150 statue completamente automatizzate, inserite in una suggestiva ambientazione di tre piani, capace di riprodurre il fascino della natività tra palme, ulivi e un laghetto con tanto di ruscello e movimenti scenici. Sul posto verrà allestito un punto di raccolta fondi il cui ricavato verrà devoluto in beneficenza alla Veneranda Fabbrica del Duomo e ai City Angels.







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori