ELEZONI/ Berlusconi in Aula il giorno del voto, per il processo Mills

- La Redazione

Berlusconi sarà in aula, nelle vesti di imputato, al processo Mills anche lunedì 16 maggio, il giorno del voto. Si tratterebbe della quinta udienza dal 28 marzo scorso.

PalazzoGiustiziaMilanoR400
Foto Imagoeconomica

Berlusconi sarà in aula, nelle vesti di imputato, al processo Mills anche lunedì 16 maggio, il giorno del voto. Lo fanno sapere fonti legali. Si tratterebbe della quinta udienza dal 28 marzo scorso.

Il premier, da allora, si è recato in aula due volte  per il processo Mediatrade, una per il processo Mediaset e un’altra per il procedimento Mills. In quest’ultimo è accusato di corruzione in atti giudiziari per aver versato all’avvocato britannico David Mills 600mila euro per due testimonianze reticenti in un altro processo in cui era imputato. Lunedì è prevista la testimonianza di Flavio Briatore e di un altro teste, entrambi citati dal pm Fabio De Pasquale. Il premier apparirà di fronte ai giudici della decima sezione penale di Milano, quindi, in un momento di silenzio elettorale, in cui i media non possono trasmettere dichiarazioni di politici o relative alla campagna. Nel frattempo, la Procura generale di Milano ha deciso di riammettere  telecamere e fotografi a Palazzo di Giustizia. Potranno entrare in Tribunale fino al 22 luglio prossimo quando sarà necessaria un’ulteriore proroga dei permessi. 

Dal 30 aprile, quando i permessi erano scaduti, cineoperatori e fotoreporter non erano potuti entrare. La Procura generale ha messo il provvedimento di rinnovo dei permessi fino a luglio sentito il parere della commissione manutenzione. I permessi, tuttavia, potrebbero essere revocati proprio in occasione dei processi a carico di Berlusconi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori