BERLUSCONI/ Il premier dà le dimissioni dal consiglio comunale di Milano

- La Redazione

Il capo del governo, Silvio Berlusconi, ha rassegnato le dimissioni dal suo ruolo di consigliere comunale. Come consigliere anziano avrebbe dovuto presiedere la prima seduta del consiglio

silvio_berlusconi_sorridente_R400
Foto Ansa

Il capo del governo, Silvio Berlusconi, ha rassegnato le dimissioni dal suo ruolo di consigliere comunale. Il premier, che aveva ricevuto 28.474 preferenze, era stato eletto come consigliere comunale come capolista del Pdl. Ha deciso di rassegnare le dimissioni dal suo ruolo con una lettera inviata direttamente al nuovo sindaco Giuliano Pisapia e indirizzata anche all’intero consiglio comunale. Nella sua missiva, si leggono i più sentiti auguri al sindaco e all’intero consiglio comunale. Troppi gli impegni a cui è costretto, spiega Berlusconi. “Con l’occasione – si legge nella missiva del premier rivolta a Pisapia – desidero esprimere a Lei e all’intero consiglio comunale i miei auguri di buon lavoro nell’interesse della città”. In qualità di consigliere anziano, Silvio Berlusconi avrebbe dovuto presiedere la prima seduta del consiglio comunale ed ecco l’invio della sua missiva giusto in tempo per evitare ciò. Nella passata amministrazione comunale, Silvio Berlusconi invece risultava teoricamente al suo posto di consigliere. Teoricamente, perché nella classifica delle presenze era nettamente l’ultimo. Nell’intero anno 2007 aveva infatti collezionato una sola presenza a Palazzo Marino.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori