VIAGGIO NEL 5X1000/ Un banco per far fronte alle emergenze sanitarie

- La Redazione

Il Banco Farmaceutico raccoglie farmaci da donare a 1443 enti assistenziali a contatto con i bisognosi: con il 5×1000 potrà avviare la donazione continuativa per affrontare le emergenze

RACCOLTA_BANCO_FARMACEUTICOr400
Alcuni volontari del Banco Farmaceutico

Nome dell’Opera: Fondazione Banco Farmaceutico onlus
Zona di intervento    Recupero farmaci per gli enti assistenziali

1.    Come nasce l’opera?
Il Banco Farmaceutico è una Fondazione onlus che opera in Italia dal 2000. Banco Farmaceutico è attualmente  presente in 1200 Comuni di 85 Province italiane. Ha rapporto con 3219 farmacie, 1443 enti assistenziali che assistono i bisognosi e più di 40 aziende farmaceutiche.

2.    Che cosa fa oggi?
Banco Farmaceutico fornisce gratuitamente farmaci agli enti  che assistono  persone indigenti che non possono permettersi di acquistarli. La finalità della nostra azione è educare l’uomo alla condivisione del bisogno e alla gratuità.
I farmaci vengono raccolti attraverso due modalità:
–    in occasione della Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco, che ha luogo ogni anno il secondo sabato di febbraio all’interno delle farmacie che aderiscono all’iniziativa (nel 2011 sono stati raccolti 365.000 e nel 2012 329.762 confezioni di farmaci da automedicazione)
–    con le donazioni di farmaci da parte delle aziende farmaceutiche (nel 2011 sono stati raccolte 422.000 e nel 2012 sono già più di 153.000 confezioni di farmaci)

3.    Come userà il denaro che arriverà dalla donazione del 5×1000?
Con i tuoi soldi vogliamo realizzare una modalità innovativa (via web e attraverso l’uso degli smartphone) per realizzare un nuovo sistema per la “donazione continuativa” di farmaci. Questo sistema è un servizio molto importante perché consentirebbe di promuovere campagne per la raccolta di farmaci a fronte di necessità particolari (piani antifreddo, emergenze profughi, calamità naturali, emergenze umanitarie).

4.    Codice Fiscale: 97503510154

5.    Sito www.bancofarmaceutico.org



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori