PRIMARIE PD MILANO 2016 / Centrosinistra, il dopo-Pisapia? Mezzi gratis, ancora polemica (ultime notizie, oggi 27 gennaio 2016)

- La Redazione

Primarie Pd Milano 2016, il centrosinistra alla prova del dopo-Pisapia: tutte le ultime notizie di oggi 27 gennaio 2016 sui candidati democratici. Sala vola, scontro Balzani-Majorino

sala_balzani_primarieR439
I candidati alle Primarie Pd Milano (Infophoto)

Non si placa lo scontro tra i candidati del centrosinistra alle Primarie Pd Milano. Dopo la dichiarazione della Balzani, secondo cui i trasporti pubblici a Milano potrebbero essere gratis entro 5 anni, arriva la replica del sindaco di Cusano Milanino Lorenzo Gaiani, pubblicata sul sito dell’Associazione Culturale “Democratici per Milano” di Milano e Provincia “Da cittadino e da Sindaco del territorio metropolitano più che le sparate elettoralistiche sui mezzi di superficie gratis in città mi attenderei una riflessione seria sul sistema dei trasporti pubblici a livello metropolitano e magari un accenno all’armonizzazione delle tariffe, se non al biglietto unico. Perché poi la campagna elettorale finisce, ma i problemi rimangono”. Il centrosinistra in questi giorni è alle prese con la successione di Pisapia a sindaco di Milano e le primarie tra i quattro candidati del centrosinistra – Giuseppe Sala, Francesca Balzani, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta – si terranno il 6 e il 7 febbraio. Francesca Balzani è vicesindaco sotto la giunta Pisapia; Pierfrancesco Majorino è assessore alle Politiche Sociali sempre sotto la giunta Pisapia; Giuseppe Sala è l’ex commissario generale di Expo; Antonio Iannetta è un manager nel campo degli interventi sociali. 

Si parla di Primarie Pd Milano ma si legge scontro aperto su tutti i fronti: il centrosinistra è alle prove di un evento importante, come la successione di Pisapia a sindaco di Milano, e per il Partito Democratico sopratutto è una vicenda che “non si può fallire”. Sala vola nei sondaggi, sembra davvero non esserci modo per fermare il consenso creato per il commissario Expo 2015, anche perché gli sfidanti simili/nemici Balzani e Majorino non solo si sono candidati di fatto coprendo una parte molto simile dell’elettorato di sinistra, ma ora si scontrano pure su una questione importante come i trasporti pubblici milanesi. La Balzani ha affermato, in forma molto simile alla “lancio” elettorale, che i trasporti pubblici a Milano potrebbero essere gratis entro 5 anni: «Ci sarà bisogno di una nuova data, di un sistema tariffario unico e magari di una mobilità card che integri anche car sharing e bis sharing». Subito la discussione di Majorino, per nulla d’accordo con la collega attuale in Consiglio Comunale: «Lei stessa sa bene che si tratta di una bella battuta elettorale non fattibile. Tanto è vera che lei stessa, da assessore al bilancio ci ha costretto ad aumentare gli abbonamenti Atm per i pensionati», e lo stesso Pierfrancesco rilancia invece un possibile abbonamento gratis per una parte dei pensionati, per i disoccupati e per i precari. Sparate elettorali o qualcosa di vero? Per il momento non sappiamo, certo che finché Sala è in vantaggio questi titoli potrebbero rimanere fini a se stessi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori