Primarie Pd Milano 2016/ Balzani e la priorità del bilancio sociale (ultime notizie, oggi 29 gennaio)

- La Redazione

Primarie Pd Milano 2016, centrosinistra verso il voto: ultime notizie sui candidati democratici. Parla Pisapia ed è gaffe quando diche che gli sfidanti sono 3. “Balzani mia preferita”

sala_balzani_primarieR439
I candidati alle Primarie Pd Milano (Infophoto)

Dopo l’endorsement di Pisapia a pochi giorni dalla Primarie Pd di Milano, con la battaglia per inseguire il candidato Beppe Sala “in fuga”, sondaggi alla mano, ha parlato la sfidante forse numero 1 del commissario Expo, ovvero Francesca Balzani. Per lei l’attuale sindaco di Milano ha ritenuto di dare tutto il suo appoggio, un endorsement importante che però non basterà di certo, da solo, a recuperare lo svantaggio accumulato.  Il bilancio sociale e la semplificazione della macchina amministrativa sono i punti cardine del suo programma, ma anche il tema dei trasporti pubblici, con l’affermazione molto forte di qualche giorno fa che prometteva mezzi gratis entro cinque anni per tutti. Qualche ora fa la stessa Balzani ha rilasciato le ultimissime dichiarazioni post-discorso di Pisapia, dove dice “È una grande attestazione di stima, è il miglior sindaco che Milano abbia mai avuto e sono orgogliosa di aver ottenuto il suo voto”.

Un importante endorsement anche se prevedibile per le primarie Pd Milano 2016 della candidata Francesca Balzani: l’attuale vicesindaco riceve l’investitura del… sindaco di ora, Giuliano Pisapia, che ad un appuntamento elettorale della campagna per la Balzani è intervenuto dicendo la sua. «Ci sono tre candidati e oggi sono venuto a brindare con quella che preferisco. Mi piacerebbe molto che il prossimo sindaco di Milano fosse una donna. Come ho detto più volte è un ottimo vice sindaco e la voterò perché sarebbe anche un ottimo sindaco». Due analisi: la prima è una gaffe piuttosto grossa per il sindaco uscente “arancione”, dal momento che i candidati alle primarie di Milano non sono tre, bensì quattro e resta il mistero su chi abbia (volutamente?) dimenticato. L’outsider Iannetta? Lo scomodo Majorino? O il manager Sala? In tutti i casi, non un gran figura per Pisapia. Sulla seconda invece, il sindaco di Milano ha legittimamente indicato chi vedrebbe bene al suo posto, con il vice attuale che viene prevedibilmente lanciato verso una speranzosa vittoria. Certo che i sondaggi però, al momento, dicono altro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori