Primarie Milano/ Come, quando e dove si vota, video news: oggi 150 seggi aperti (ultime notizie live, domenica 7 febbraio)

- La Redazione

Come si vota alle primarie di Milano 2016, video news: dove e quando si vota, tutte le info sulle modalità di voto oggi sabato 6 febbraio 2016. Candidati, le info sui seggi e il “salta fila”

elezioni_schede2R439
Infophoto

Si potrà votare anche oggi fino alle 20 per le Primarie Pd Milano 2016. I seggi allestiti saranno 150 contro i 9 (uno per zona) aperti ieri: Tutto il personale impegnato nell’organizzazione e nelle operazioni di voto è volontario: al momento del pagamento dei 2 euro chiesti come contributo minimo per coprire i costi organizzativi verrà rilasciata una ricevuta. Poi sul sito www.primariemilano.it sarà indicato come saranno impiegate le risorse raccolte. Si vota nel seggio collegato alla propria residenza, scegliendo un solo candidato alla carica di Sindaco tra i quattro in lizza, Giuseppe Sala, Francesca Balzani, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta. Per sapere qual è il seggio che corrisponde alla propria residenza e l’indirizzo del luogo dove recarsi per votare si può consultare sempre il sito internet oppure telefonare al numero fisso 02 84232959 oppure mobile 346 0715475 o recarsi in un circolo del PD o di SEL. Nel primo giorno di voto hanno espresso la loro prefernza quasi 8mila milanesi: il Pd spera di poter replicar, se non superare i 67mila vontanti alle primarie che portarono all’elezione di Giuliano Pisapia a Sindaco del capoluogo lombardo. 

Precisiamo prima di ogni altra cosa che i candidati sono tutti esponenti del Partito Democratico. Il primo, già scelto, per le elezioni è Pierfrancesco Majorino, l’assessore al Welfare e si batterà con uno dei candidati del PD: Francesca Balzani, Sala ed Antonio Iannetta. Sarà possibile votare anche nella giornata di oggi, domenica 7 febbraio 2016 e possono partecipare all’espressione del voto tutti i cittadini con residenza a Milano che hanno superato i 16 anni. Esclusi invece dal voto tutti i cittadini che ricoprono in questo momento una carica politica e che sono stati votati da un partito contrario a quelli che invece sostengono la coalizione del centrosinistra di Milano. Esclusi anche gli esponenti e gli eletti nelle liste antagoniste che si trovano ora alla maggioranza del Comune di Milano. Prima di accedere al seggio, gli elettori devono essere iscritti all’Albo delle elettrici e degli elettori del centrosinistra milanese. Al seggio elettorale va esibito un documento d’identità in cui sia specificato l’indirizzo di residenza oppure, in alternativa, il certificato elettorale. Inoltre vanno firmate le “Linee guida del centrosinistra per Milano” e dare un contributo di due euro per partecipare al contributo spese per l’organizzazione delle Primarie 2016. In ultimo va espresso preciso consenso all’inserimento del proprio nome e cognome nell’Albo ed accettarne la consultazione da parte del Comitato Promotore o di suoi delegati. Per votare basta fare riferimento alla propria residenza e controllare sul sito ufficiale dedicato alle Primarie di Milano -www.primariemilano.it/seggi- quale sede è la sede prescelta per la propria zona.

Le primarie del Partito Democratico per la scelta del candidato sindaco in vista della battaglia alle amministrative di Milano 2016 sono scattate questa mattina alle 8:00. Chiarita la procedura del voto si è data finalmente la parola agli elettori, che a partire da questa mattina stanno esprimendo la loro preferenza in uno dei 9 seggi allestiti nelle vie di Milano. Il profilo Twitter ufficiale delle Primarie Pd 2016 qualche ora fa ha pubblicato sul proprio account la foto del primo elettore in assoluto ad esercitare il proprio diritto di voto. Si tratta di un simpatizzante del Pd non proprio giovanissimo, ma sicuramente pieno di energia e voglia di partecipare alla vita politica attiva della città: cliccate qui per vederlo!

Milanesi alle urne, ma come si vota alle primarie Pd 2016 di Milano per tutto il centrosinistra? Ecco qui una rapida guida aggiornata su come, quando, dove (e infine anche perché) votare, con i cittadini sotto la Madonnina che oggi e domani potranno indicare uno dei quattro candidati alle primarie per il sindaco di Milano. Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta sono i quattro nomi che si troveranno sulle schede. Per avere un’ultima panoramica sul perché poter votare un candidato piuttosto che un altro, potete cliccare questo video di presentazione dei 4 contendenti che spiegano il loro “votami perché…”. Ma ora andiamo a vedere le modalità precise per poter votare. 

Per prima cosa possono votare tutti i residenti nel Comune di Milano che hanno compiuto almeno 16 anni, inclusi i cittadini dell’Unione Europea o di altri Paesi, residenti a Milano. Gli elettori dovranno presentarsi con regolare carta d’identità o permesso di soggiorno e sopratutto il voto di queste primarie non richiede alcuna iscrizione a partiti o movimenti ma solo la sottoscrizione alla Casta dei Valori delle Primarie Pd. 

Per poter votare alle Primarie di Milano 2016, ogni elettore dovrà votare nel seggio collegato alla propria residenza, scegliendo un solo candidato alla carica di Sindaco. Per sapere quale seggio è il proprio e quale corrisponde alla propria residenza, basta collegarsi al sito primariemilano.it oppure telefonare al numero fisso 0284232959 oppure al telefono cellulare 3460715475. Ricordiamo che per sabato 6 febbraio sarò aperto un solo seggio per zona di Milano, mentre per domenica 7 febbraio sono aperti tutti i 150 seggi previsti.

Ecco dunque i punti chiave per poter votare alle primarie di Milano 2016: recarsi al seggio, consultabile secondo quanto scritto al punto precedente, portando proprio documento di identità o patente (non serve scheda elettorale), sottoscrivere poi la Carta dei Valori del Centrosinistra. Prima di porre il segno sulla scheda, versare un contributo minimo di 2 euro che saranno usati per coprire i costi organizzativi delle primarie: infine barrare sulla scheda che verrà consegnata il nome della candidatura o del candidato preferito/a. Da quest’anno è poi possibile l’opzione “Salta la fila”, se vi siete iscritti prima del 2 febbraio, termine ultimo, allora si potrà compilare il modulo per evitare la fila e basterà presentarsi con quel modulo saltando l’intera fila del seggio elettorale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori