Momiji Nishiya/ Baby-prodigio: oro nello skateboard a 13 anni (Olimpiadi Tokyo 2020)

- Nicholas Reitano

Momiji Nishiya, atleta giapponese, ha vinto la medaglia d’oro nello skateboard a 13 anni e 330 giorni alle Olimpiadi Tokyo 2020

5FA2DDCA 68B1 4CAC 8AD2 C0649653FC2C 640x300.jpeg

OLIMPIADI, MOMIJI NISHIYA CAMPIONE A 13 ANNI E 330 GIORNI

Momiji Nishiya ha vinto la medaglia d’oro nello skateboard a Tokyo 2020 all’età di 13 anni e 330 giorni e lo ha fatto nella sezione trick, con 15.26 punti nella prova street skate (per il Giappone è l’ennesima vittoria nella disciplina dopo il successo di Horigome, che domenica scorsa ha conquistato il titolo maschile).

L’atleta giapponese, però, non ha superato il record storico che appartiene a Marjorie Gestring, tuffatrice statunitense che vinse una competizione olimpica nell’edizione “della vergogna del 1936” (nel trampolino da tre metri, ndr), conosciute alla storia per ben altro, a 13 anni e 268 giorni, circa due mesi in anticipo rispetto alla skater nipponica. Si tratta del quarto nella lista dei campioni olimpici più giovani di tutti i tempi ad aver infilato al collo un oro. Davanti a lei, poi, ci sono la tedesca Klaus Zerta, 13 anni e 283 giorni (canottaggio, edizione del 1960) e la cinese Fu Mingxia, 13 anni e 346 giorni (tuffi, edizione del 1992). Come riporta la redazione di Sky Sport, la medaglia più giovane in assoluto è piuttosto datata e risale alla prima Olimpiade, ad Atene 1896, col ginnasta greco Dimitrios Loundras, medaglia di bronzo all’età di 10 anni.

MOMIJI NISHIYA È LA PRIMA VINCITRICE DELLO SKATEBOARD

Solo delle ragazze o dei ragazzi prodigio possono permettersi il lusso di salire su un podio di un Olimpiade e Momiji Nishiya è una di queste. E non è tutto, perché la giapponese ha terminato la sua performance davanti ad un’altra classe 2007, la brasiliana Rayssa Leal, che in patria chiamano “La Fatina”.

Bambine, dunque, se vogliamo chiamarle così, che sono entrate nella storia della competizione sportiva internazionale più importante di sempre grazie alla loro carta d’identità. Il Giappone, con questo trionfo, potrà vantare un altro record (dopo quello del connazionale registrato domenica scorsa), unico e che resterà scritto nell’albo d’oro: l’atleta tredicenne, infatti, è stata la prima medaglia d’oro femminile in questa specialità (lo skateboard è stato introdotto in quest’edizione).



© RIPRODUZIONE RISERVATA