Monica, Riccardo, Edoardo e Alessandro/ Moglie e figli di Alberto Angela

- Alessandro Nidi

Moglie e figli Alberto Angela, chi sono? La dolce metà del conduttore si chiama Monica e la coppia ha tre figli: Riccardo, Edoardo e Alessandro

figli_alberto_angela_instagram_2018
Riccardo ed Edoardo Angela (Instagram)

Chi sono la moglie e i figli di Alberto Angela? Nella giornata di oggi, domenica 23 maggio 2021, il celebre divulgatore scientifico sarà ospite della trasmissione di Rai Uno “Domenica In”, condotta da Mara Venier, nella quale ci sarà spazio per parlare anche della vita privata del figlio d’arte, sempre molto riservato e lontano dai riflettori quando si tratta della sua famiglia. Per quanto concerne la consorte di Alberto Angela, sappiamo che è sposato dal 1993 con la sua dolce metà, di nome Monica, e dalla quale ha avuto tre figli maschi: Riccardo, venuto al mondo a cinque anni di distanza dalle nozze, nel 1998, Edoardo (1999) e Alessandro (2004, il “piccolino” di casa).

Tornando alla moglie del giornalista e conduttore, Monica, si può asserire senza timore di smentita che si tratta di una donna che condivide in pieno la linea di riservatezza scelta dal marito: sempre distante dagli obiettivi dei fotografi e dall’universo mediatico-televisivo, che normalmente tende a creare una sovraesposizione delle famiglie dei personaggi che gravitano al suo interno, la signora Angela ha detto “sì” al suo Alberto ormai 28 anni fa e nel 2023 festeggerà insieme a lui i primi tre decenni di vita coniugale. I due, uniti da un sentimento tanto profondo quanto sincero, hanno in comune numerose passioni che hanno contribuito a rendere indissolubile il loro legame, dal cinema al nuoto (sono assidui frequentatori di piscine).

MOGLIE E FIGLI DI ALBERTO ANGELA: LA BELLEZZA EREDITATA DAL PAPÀ

Detto della moglie di Alberto Angela, grande curiosità e attenzione sono state riservate sui social network in tempi neppure troppo sospetti nei confronti dei figli del divulgatore scientifico, in particolare del suo secondogenito Edoardo. Una sua foto, infatti, seppure l’account Instagram del ragazzo sia privato, era circolata sul web e subito gli utenti avevano sottolineato la sua bellezza, con commenti di varia natura: da “Alberto Angela, oltre a esaminarle, le opere d’arte le crea pure” a “Facciamo una petizione per far diventare patrimonio italiano il figlio di Alberto Angela, così poi ce lo deve mostrare e descrivere in una puntata dei suoi programmi”.

Addirittura, la sua istantanea nei mesi passati era finita tra gli argomenti di tendenza su Twitter e va sottolineato come Edoardo sia molto legato al primogenito Riccardo, con il quale trascorre numerosi momenti spensierati, all’aria aperta oppure dedicati all’attività sportiva. Sport, come detto in precedenza, che viene praticato con assiduità anche da Alberto Angela, il loro padre, il quale in un’intervista ha ammesso di tenersi in forma facendo ogni mattina sessanta vasche in piscina. Di condivisione in condivisione, il nuoto incarna anche il grande amore della moglie di Alberto Angela, Monica, a dimostrazione dell’antico adagio latino, presumibilmente molto caro all’intero nucleo familiare: “Mens sana in corpore sano”.

ALBERTO ANGELA, MOGLIE E FIGLI. LUI: “NON MI FA FELICE L’ATTENZIONE DEI SOCIAL VERSO I MIEI TRE MASCHI”

Alberto Angela e la moglie Monica (originaria di Parma, città emiliana in cui spesso la coppia si reca per fare visita ai parenti della donna, ndr) hanno condotto e conducono tuttora un’esistenza “appartata”, esigenze lavorative escluse, che ha consentito alla famiglia di godere di una privacy che al giorno d’oggi rischia di venire meno. Oltre a essere un divulgatore scientifico stimato, Angela è senza dubbio un padre molto amorevole e premuroso, come ha rivelato recentemente nell’ambito di un’intervista, nella quale ha parlato proprio della sua prole.

Ecco le sue dichiarazioni: “Che dire dei miei figli, che come tutti i ragazzi hanno il futuro negli occhi e le nostre speranze nel cuore. Per quanto riguarda l’attenzione esagerata dei social verso mio figlio Edoardo, posso soltanto dire che mi è spiaciuto come potrebbe dispiacere a qualsiasi altro genitore. Mi dispiace perché lui non è qualcuno che vuole esporsi, è una persona normale. Lì è il mondo che bussa alla porta, è un effetto collaterale dell’epoca in cui viviamo”. Tempi ai quali, giocoforza, si è dovuto adeguare anche Alberto Angela, sbarcando sui social network e raccogliendo immediatamente migliaia di followers e di “mi piace” sotto ogni suo post. La cultura, insomma, sembra avere trovato un nuovo canale per raggiungere davvero tutte le generazioni e contaminarle: in questo caso, si può davvero dire che internet sia educativo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA