Monitoraggio Iss: incidenza 365, Rt 0.81/ Video, Rezza: “Covid continua a circolare”

- Niccolò Magnani

I dati del monitoraggio Iss-Ministero della Salute di oggi 12 agosto: ancora in discesa il Covid-19 in Italia, con incidenza a 365, Rt 0.81 e ricoveri in frenata

Brusaferro e Rezza
Monitoraggio Iss-Min. Salute: Silvio Brusaferro e Gianni Rezza (LaPresse)

Dati ancora in discesa nel monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute dall’andamento della pandemia. Intervenuto nel consueto video, Giovanni Rezza ha spiegato che continua a diminuire il tasso di incidenza di casi di Covid-19, questa settimana raggiunge i 365 casi per 100mila abitanti. Tendenza in discesa anche per l’indice Rt, allo 0,81, al di sotto dell’unità.

Il Direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute ha poi evidenziato: “Il tasso di occupazione dei posti letto di ara medica e di terapia intensiva è rispettivamente al 13% e al 3,2%, quindi non si assiste ad alcuna congestione delle strutture sanitarie. Il virus però continua a circolare. E’ bene quindi fare un richiamo alla prudenza, alla responsabilità, soprattutto in presenza di grandi aggregazioni”. Rezza, inoltre, ha sottolinea l’importanza di effettuare la quarta dose, in particolare “agli ultra60enni e alle persone fragili per evitare le conseguenza gravi della malattia”. (Aggiornamento di MB)

I NUOVI DATI DEL MONITORAGGIO ISS 12 AGOSTO: CONTINUA LA DISCESA DEL COVID

Per la quarta settimana consecutiva si conferma il calo importante del Covid-19: i dati del nuovo monitoraggio Iss-Ministero della Salute, presentati come sempre al venerdì in Cabina di regia, mostrano una netta discesa dei contagi, dell’indice di trasmissibilità e pure un importante freno per i ricoveri in ospedale. Rispetto al precedente monitoraggio di una settimana fa, l’incidenza settimanale del contagio su 100mila abitanti scende da 533 a 365 casi: simile iter anche per l’indice di contagio Rt che passa a 0.81 dopo che solo sette giorni fa recitava 0.90.

«L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è anch’esso in diminuzione e sotto la soglia epidemica: Rt=0.82 (0,80-0,84) al 26/07/2022 vs Rt=0,95 (0,94-0,97) al 19/07/2022», si legge nella bozza del monitoraggio Iss prodotto questo venerdì. Al momento la percentuale dei casi di Covid-19 rilevati tramite l’attività di tracciamento dei contatti è stabile rispetto al precedente monitoraggio (12%), mentre è in lieve aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (44% vs 43%). Diminuisce la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 46%: in generale, avverte l’Istituto Superiore di Sanità, «L’attuale situazione caratterizzata da elevata incidenza non consente una puntuale mappatura dei contatti dei casi, come evidenziato dalla bassa percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento».

FRENATA RICOVERI NELLE REGIONI: IL MONITORAGGIO ISS-MINISTERO SALUTE

Migliora soprattutto in Italia, in questa coda di “ondata estiva”, la situazione dei ricoveri di casi Covid: ad oggi il tasso di occupazione in terapia intensiva è ai minimi, ovvero al 3,6% rispetto al 4,1% del precedente monitoraggio Iss. Per quanto riguarda invece l’occupazione dei ricoveri in area medica tradizionale, il tasso scende dal 17% all’attuale 15,2%. Solo due Regioni sono classificate a rischio moderato, 1 a rischio alto e tutte le altre con rischio basso secondo i dati del Decreto Covid 30 aprile 2020.

Tra le Regioni dove permane un tasso di occupazione ancora significativo per le terapie intensive segnaliamo il 7,4% della Sardegna, 5,8% Calabria, 5,7% Emilia Romagna, 5,5% Abruzzo e 5,4% Sicilia: sono dati comunque molto confortanti e non mettono in crisi il sistema delle rianimazioni regionale. Idem per i ricoveri in area medica: le Regioni con tasso più alto restano l’Umbria al 35,6%, Calabria 29,9%, VdA 24,3%, Liguria 25%.





© RIPRODUZIONE RISERVATA