Moody’s, rating Lombardia meglio di Italia/ “Economia forte e sanità in equilibrio”

- Silvana Palazzo

Moody’s promuove Regione Lombardia: rating Baa2, meglio di Italia. “Economia forte e sanità in equilibrio”, sottolinea l’agenzia americana. Il governatore Attilio Fontana: “Ottima gestione”

lombardia
La sede della Regione Lombardia (Foto LaPresse)

Lombardia promossa da Moody’s: la Regione guidata dal governatore Attilio Fontana ha ottenuto un rating superiore a quello dello Stato dall’agenzia americana. Lo ha comunicato Palazzo Lombardia in una nota. Gli elementi che caratterizzano la “Credit Opinion” pubblicata da Moody’s sono «robusta liquidità e flessibilità tributaria, basso profilo di debito, sistema sanitario in equilibrio ed economia forte». L’agenzia ha quindi confermato un «giudizio Baa2 con outlook stabile, un notch al di sopra del rating sovrano (Baa3)». Si tratta di un rating di un gradino superiore a quello dell’Italia (Baa3). Soddisfatto il Presidente della Regione Lombardia: «Un giudizio che sottolinea l’ottima gestione dell’Ente e che ci consente di avere addirittura un giudizio superiore a quello dello Stato», ha commentato il governatore Attilio Fontana. Inoltre, si è detto confortato da questo giudizio che «ci consente di guardare al futuro con cauto ottimismo».

MOODY’S, RATING LOMBARDIA (BBA2) MEGLIO DI ITALIA (BBA3)

L’agenzia di rating Moody’s ha quindi evidenziato «l’ottima gestione» della Regione Lombardia e questo, spiega il governatore Attilio Fontana, vuol dire che la governance lombarda è «caratterizzata da alta trasparenza e processi di gestione prudenti». La valutazione di Moody’s riguarda anche la gestione dei flussi di cassa, su cui il giudizio è positivo. A tal proposito, Fontana ha spiegato che proprio ciò ha permesso alla Regione Lombardia «di anticipare le necessità per fronteggiare l’emergenza Covid in attesa della restituzione da parte dello Stato, nonché di assicurare il regolare pagamento dei fornitori». Inoltre, dall’analisi di Moody’s emerge anche che la Regione Lombardia è «tra le più ricche in Italia con un reddito pro-capite del 33% superiore alla media nazionale, un tasso di disoccupazione inferiore alla media nazionale (5,6 % rispetto al 10 % alla fine del 2019)». Ma a causa dell’emergenza coronavirus, l’agenzia americana «prevede un calo della produzione nel 2020-2021, ma non gravi danni a lungo termine e si aspetta una ripresa economica più veloce rispetto alle altre regioni».



© RIPRODUZIONE RISERVATA