FIAT PUNTO/ Blocco produzione in India. Nuovo modello non sembra in arrivo

Fiat Punto non verrà più prodotta nemmeno in India e scomparirà quindi dal mercato asiatico. Resta da vedere se ci sarà un nuovo modello

24.11.2018 - Bruno Zampetti
operaio_Industria_auto_fabbrica_lapresse
Lapresse

FIAT PUNTO, BLOCCO PRODUZIONE

Fiat perde un altro suo modello iconico. La Punto, infatti, non verrà più prodotta nemmeno in India e scomparirà quindi dal mercato asiatico. A quanto pare Fca vuol puntare forte su Jeep per cercare di conquistare l’Oriente, grazie a Suv che possono trovare diversi acquirenti come la Compass. Resta da capire però come verrà sostituita la Punto, sempre che ci sia la volontà di farlo. In qualche modo la Tipo ha provato a fare le veci dello storico modello, ma senza riuscire a fare breccia. Non è da escludere che si stia pensando a una rivoluzione completa in casa Fiat, come del resto sembrano lasciare immaginare alcune recenti mosse. I nuovi investimenti, infatti, sembrano essere stati concentrati su Jeep e Alfa Romeo, di modo che possano fornire ritorni più importanti. L’idea sembra quella di non concentrarsi sulle utilitarie, settore dove invece Fiat potrebbe rappresentare il marchio “green” del gruppo.

CAMBIO STRATEGIA PER IL GRUPPO

Non a casa sono state annunciata la Panda mild hybrid, oltre che la 500 sempre con motorizzazione ibrida. Oltretutto la Panda è già equipaggiata con motori a metano e gpl. Quindi Fiat potrebbe essere il marchio che oltre all’iconica 500 può proporre sul mercato utilitarie dal basso impatto ambientale. Del resto Jeep sembra poter avere i maggiori margini di crescita: non rappresenta più un marchio americano, può avere il giusto appeal per sfondare anche in Asia. Alfa Romeo, invece, ha il compito certo non facile di far breccia nel segmento premium. Stando così le cose, resta da capire cosa accadrà a Lancia, rimasta ormai con la sola, e un po’ datata, Ypsilion. Non resta che vedere se ci saranno degli annunci da parte di Fca sui nuovi modelli che vedranno la luce nei prossimi anni.



© RIPRODUZIONE RISERVATA