GILBERTO GIL/ Il mito della musica brasiliana premiato a Milano

- La Redazione

Il mito a Milano: Gilberto Gil riceve oggi alle 18.30 a Palazzo Marino un riconoscimento dal Comune – che patrocina la rassegna di Assago – dalle mani del Sindaco, Letizia Moratti, e dell’Assessore agli Eventi, Giovanni Terzi

Il mito a Milano: Gilberto Gil riceve oggi alle 18.30 a Palazzo Marino un riconoscimento dal Comune – che patrocina la rassegna di Assago – dalle mani del Sindaco, Letizia Moratti, e dell’Assessore agli Eventi, Giovanni Terzi.

“A Gilberto Gil, ambasciatore della cultura e coscienza critica del Brasile moderno, anima politica del proprio Paese nonché simbolo universale di impegno sociale a sostegno della lotta contro la fame nel mondo”: questa la motivazione della prestigiosa onorificenza.

Alla cerimonia intervengono Juan José Fabiani, direttore generale di Latinoamericando Group, e l’ambasciatore brasiliano, Luiz Henrique Pereira da Fonseca.

Il mito in scena: Gilberto Gil è l’ospite d’onore della serata di domani di LATINOAMERICANDO EXPO. Un personaggio di altissimo livello per un concerto che unisce non solo le tradizioni della musica popolare brasiliana ma anche le emozioni e la filosofia di un intero popolo.

Tra le voci più note dell’America Latina, Gil – insieme a Caetano Veloso – è considerato uno dei padri del “tropicalismo”, un movimento che affonda le proprie radici nella Bossa Nova e ricreava la musica popolare bahiana. Nel 2003 è stato nominato Ministro della Cultura dal Governo Lula, due anni dopo gli è stato conferito il “Premio Polar”, prestigiosa onorificenza internazionale accordata dall’Accademia Reale Svedese di Musica. I suoi concerti sono uno sfavillante manifestazione dei gioiosi ritmi della sua terra. L’artista brasiliano ha inciso più di 30 dischi: è un musicista poliedrico che con disinvoltura passa da un genere all’altro senza sacrificio di risorse. Suona samba postmoderna aggiornata con rock reggae e influenze africane che ha conquistato ormai da anni anche il pubblico italiano: nel 2005 ha vinto il prestigioso premio “Italia nel mondo”. Ingresso a 10 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori