JAMES BLUNT/ “Ho fermato la Terza guerra mondiale”: lo dice il cantautore inglese

- La Redazione

Il cantautore inglese racconta di quando si trovò sul punto di sparare ai soldati russi

jamesblunt_R400

James Blunt, uno dei cantanti più popolari degli ultimi anni, prima di diventare tale era un capitano dell’esercito inglese. Nel 1999 si trovava in Kossovo, durante la missione delle forze Nato contro l’esercito serbo. Esercito serbo che godeva dell’appoggio di quello russo, da sempre alleati della Serbia.

Blunt, come ha raccontato durante una intervista alla radio inglese, si trovò davanti 200 soldati russi. L’ordine che ricevette dal comandante americano Wesley Clark fu quello di attaccarli: «Ero l’ufficiale responsabile di una truppa di uomini dietro di me. Era una situazione folle» ha raccontato. Il generale inglese Mike Jackson ha confermato le parole di Blunt. Lo stesso Jackson si oppose all’ordine del generale americano. I soldati guidati dal futuro cantautore dovevano assumere il controllo di una pista d’atterraggio, ma era già stata occupata dai soldati russi che spiegarono contro di loro armi e cannoni. Il comando diretto giuntoci dal generale Wesley Clark fu di sopraffarli – racconta il cantautore -. Vennero usate diverse parole che si sembravano strane. Parole come “distruggere” vennero pronunciate alla radio».

Attaccare i russi, dice Blunt, equivaleva a un atto di aggressione nei loro confronti. «Ci sono cose che si fanno sapendo che sono giuste e cose che ti senti invece che sono assolutamente sbagliate. Questo senso di giudizio morale viene inculcato nella testa a noi soldati dell’esercito britannico» ha ricordato Blunt, sottolineando che avrebbe disobbedito all’ordine anche se a rischio di finire di fronte ad una corte marziale.

Per fortuna di tutti arrivò l’ordine del generale Jackson: «Le sue parole esatte furono: "Non voglio che i miei soldati siano responsabili di aver dato inizio alla Terza guerra mondiale" e ci disse: "Perché invece non proseguiamo sulla strada e circondiamo la pista?"». Nessuno saprà mai cosa sarebbe successo se gli inglesi avessero attaccato i russi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori