IL FATTO/ Bob Dylan alla Casa Bianca per Obama: “Times They Are A Changin'”?

- Paolo Vites

50 anni fa un ragazzo ebreo del Minnesota venne invitato a esibirsi alla Marcia per i Diritti Civili organizzata da Martin Luther King. Impressionato scrisse The Times They Are A-Changin’. Oggi quel ragazzo ha 70 anni e si è esibito alla Casa Bianca davanti al presidente afro-americano degli Usa. Il racconto di PAOLO VITES    

DylanObama_R375

Quasi 50 anni fa, un ragazzo ebreo del Minnesota, fortunato abbastanza da essere stato invitato a esibirsi alla Marcia per i Diritti Civili a Washington organizzata da Martin Luther King, impressionato dall’evento, scrive una canzone, destinata a diventare inno e simbolo di quell’epoca storica, The Times They Are A-Changin’. Un paio di mesi dopo il presidente degli Stati Uniti John Kennedy viene ucciso. La sera di quel tragico giorno, lo stesso ragazzo si deve esibire in concerto. Riluttante e sconvolto da quanto accaduto a Dallas quel giorno, apre lo show come faceva gni sera, con The Times They Are A-Changin’ che questa sera suona ironica e svuotata di ogni suo significato.

The Times They Are A-Changin’ ha certamente avuto, sin da quando venne composta, un aspetto da “inno generazionale” e sociale. Ma non è mai stato solo quello. Come ogni canzone di Bob Dylan, essa fuoriesce dal contesto storico in cui ha preso forma, e lo trascende. La ruota sta ancora girando e non è destinata a fermarsi probabilmente mai; il primo e l’ultimo, il lento e il veloce continuano a scambiarsi di posto e sempre lo faranno. Il presente, sempre, è destinato a diventare passato e l’ordine corrente delle cose domani sarà stato sostituito da un altro ordine. Quasi cinquant’anni dopo, quel ragazzo ebreo è adesso un uomo anziano di quasi 70 anni. Per la prima volta nella sua vita è invitato a esibirsi alla Casa Bianca, davanti al presidente degli Stati Uniti, il primo presidente afro-americano.

L’evento vuole celebrare proprio i giorni della Marcia per i Diritti Civili e tutti gli afro-americani che per essi si erano battuti. E’ inevitabile che Bob Dylan decida di cantare The Times They Are A-Changin’. Che viene proposta in chiave intima, dolente e a tempo di valzer. No, non ha più alcuna sembianza di inno generazionale e sociale. Questa sera, questa scarna versione della canzone riflette di più la fonte a cui il ragazzo ebreo si era ispirato allora, il Libro dell’Ecclesiaste. Quella parte dell’Antico Testamento che vuole sottolineare come, sotto al sole, ogni tentativo da parte dell’uomo è cosa futile, vana, destinata a corrompersi.

Per tutte le volte, negli ultimi vent’anni, che Dylan ha eseguito questa canzone in modo privo di ogni ispirazione, con le parole sbagliate, quasi a deriderla, questa sera per la prima volta da quando venne incisa, la canzone mostra tutta la sua verità, eseguita con lo stesso amore e dedizione con cui Dylan in anni recenti ha eseguito tante canzoni di altri artisti. È come se non gli appartenesse più, è più grande del suo stesso autore. Ogni tronfia celebrazione, seppur giustificata dalla presenza di Obama in quella Casa Bianca dove un nero, ai tempi di Martin Luther King difficilmente avrebbe potuto mettere piede, perde improvvisamente senso.

Davvero questa sera The Times They Are A-Changin’ diventa una canzone senza tempo, oltre il tempo, ma incisa nel tempo. E così appare Bob Dylan, nell’oscurità del piccolo palcoscenico: un uomo che appare appartenere, ora e per sempre, a un tempo immemorabile. Chiamato inutilmente e banalmente "profeta" per tanto tempo della sua carriera, questa sera Bob Dylan è davvero un profeta. Perché i tempi cambiano, e continueranno a farlo.

Post scriptum: una ventina d’anni fa, un Bob Dylan sull’orlo dello sbandamento spirituale più totale, disgustato del mondo attorno a lui e probabilmente disgustato anche di se stesso, scriveva un contro-inno generazionale e sociale, che suonava più come uno sberleffo punk. Per la canzone Political World venne girato un video clip. Che oggi, col senno di poi, nella sua ambientazione, sembra girato nella Casa Bianca. O magari nella Casa Bianca di un film che verrà anni dopo, Masked & Anonimous. Rockin’ the White House, for the times they are a-changin’…







© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori