LA SCOMPARSA DI MALCOLM MCLAREN/ E’ morto l’inventore dei Sex Pistols

- La Redazione

Malcolm McLaren, l’imprenditore musicale che inventò il fenomeno dei Sex Pistols, è morto ieri di un tumore. Aveva 64 anni

malcolmmclaren_R375

Malcolm McLaren, l’uomo che inventò i Sex Pistols, è scomparso ieri a 64 anni di età per un tumore che lo aveva colpito da tempo. Americano, trovò fama e fortuna a Londra, in tempo per l’esplosione del fenomeno punk che in molti hanno attribuito a lui, ma che McLaren si limitò, da astuto uomo d’affari, a rimodellare su quanto aveva visto a New York. Malcolm McLaren aveva infatti già tentato il colpo grosso nella Grande Mela nei primi anni Settanta come manager dei trasgressivi New York Dolls, una band che si truccava da donne, indossava magliette e jeans strappati e suonava un rock sgangherato e oltraggioso.

I Dolls però, complici problemi di droga, non sfondarono e Malcolm McLaren portò quell’immagine trasgressiva a Londra dove, insieme alla stilista Vivienne Westwood, avrebbe aperto un negozio di vestiti, il Let It Rock in King’s Road, dedito alla moda per rockettari. Il nome del negozio venne cambiato in Sex e cominciò ad attirare tutti i balordi e i reietti di una Londra che viveva una delle più grosse crisi sociali della sua storia. Anche la musica rock, dopo anni di tronfio progressive dove una canzone durava trenta minuti e dove se non eri un genio della tecnica non avevi speranza di fare un disco, stava cambiando. Tra gli avventori del suo negozio un certo John Lydon, un vero teppistello.

CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

 

 

 – Malcom gli cambiò il nome in Johnny Rottern (“marcio”) e gli mise attorno una band, i Sex Pistols. Il look fu la mossa vincente: capelli a punta, spille da balia infilate sul corpo, magliette e jeans stracciati. E poi le canzoni: due, al massimo tre minuti di riff convulsi fatti di due accordi su cui cantare il malessere di una generazione che non credeva più negli ideali degli anni Sessanta ma che allo stesso tempo non sapeva da che parte guardare. “No future”, nessun futuro, fu lo slogan di quella generazione. E scoppiò il fenomeno del punk.

I Sex Pistols sopravvissero lo spazio di un solo disco, l’epocale “Never Mind the Bollocks”, poi la droga se li portò via. Malcolm McLaren è sopravvissuto all’era post punk continuando a interessarsi di moda, arte e occasionalmente incidendo qualche disco. Ma la “grande truffa del rock’n’roll” che lui stesso aveva inventato con i Sex Pistols non gli sarebbe mai più riuscita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori