BRYAN FERRY/ Il nuovo disco “Olympia” di nuovo insieme a Brian Eno e Phil Manzanera

- La Redazione

Esce il 26 ottobre Olympia il nuovo disco di Bryan Ferry. Per la prima volta dal 1973 in studio i componenti originali dei Roxy Music 

bryanferry_R375

“Olympia” il nuovo disco di Bryan Ferry esce il 26 ottobre. Per la prima volta dal 1973 (anno di pubblicazione di “For Your Pleasure”) Ferry torna in studio con i Roxy Music: Phil Manzanera, Andy Mackay e Brian Eno. Il 26 ottobre uscirà su etichetta Emi “Olympia” il nuovo album di inediti di Bryan Ferry. Il disco (pubblicato in versione solo cd, in edizione limitata cd+dvd e in una special edition che comprende 2 cd, 1 dvd e un libro fotografico) verrà preceduto dal nuovo singolo You Can Dance, in rotazione radiofonica dal 10 settembre, brano inedito accompagnato dal video girato alla Wilton’s Music Hall di Londra.

“Olympia” arriva a tre anni di distanza dall’ultimo lavoro “Dylanesque” in cui Bryan Ferry aveva inciso solo canzoni di Bob Dylan e rappresenta per l’artista un punto di svolta, una nuova sfida verso suoni freschi e contemporanei anche grazie all’apporto di featuring di grande spessore. Tra le altre preziose collaborazione presenti in questo album anche quella con David Gilmour dei Pink Floyd, Nile Rodgers degli Chic, Oliver Thompson, Marcus Miller, Flea dei Red Hot Chili Peppers, Mani (l’ex bassista degli Stone Roses), Jonny Greenwood dei Radiohead, i Groove Armada (in Shameless) e con gli Scissor Sisters (in Heartache By Numbers).

L’album contiene otto brani inediti (“You Can Dance”, “Alphaville”, “Heartache By Numbers”, “Me Oh My”, “Shameless”, “Bf Bass (Ode To Olympia)”, “Reason Or Rhyme”, “Tender Is The Night”) a cui si aggiungono una rilettura di “Song To the Siren” di Tim Buckley e una versione di “No Face, No Name, No Number” dei Traffic. Tutte le canzoni sono prodotte da Bryan Ferry e Rhett Davies, già produttore degli album dei Roxy Music “Manifesto” (1979), “Flesh and Blood” (1980) e “Avalon” (1982), e degli album solisti di Bryan Ferry “Another Time, Another Place” (1974), “Boys and Girls” (1985) e “Dylanesque” (2006).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori