HEINEKEN JAMMIN’ FESTIVAL/ Il nubifragio cancella i Green Day. La maledizione dell’Heineken. Polemiche per i rimborsi dei biglietti

- La Redazione

Nubifragio all’Heineken Jammin’ Festival di Mestre, salta il concerto di ieri sera dei Green Day. Polemiche per il rimborso dei biglietti

Nubifragio all’Heineken Jammin’ Festival. Cancellato il concerto dei Green Day. Torna la paura all’Heineken Jammin’ Festival dopo la tromba d’aria del 2007. Si parla di maledizione dell’Heineken. Ieri 4 luglio, seconda giornata del festival che si tiene al Parco San Giuliano di Mestre, dopo una giornata torrida in cui si sono succeduti vari gruppi di apertura (gli italiani Bastards Sons of Dioniso, i Rise Against, gli Editors e i 30 Seconds to Mars) il cielo si è aperto ed è scoppiato un violentissimo nubifragio. La gente, circa 25mila presenti, memori di quanto accaduto nello stesso luogo tre anni fa prima del concerto dei Pearl Jam, è fuggita in massa. Nel 2007 infatti una tromba d’aria improvvisa aveva fatto crollare le torri che sostengono luci e amplificazioni: c’erano stati dei feriti ma per fortuna nessuna vittima. Ieri si è temuto di nuovo il peggio e alle 21.20 l’attesissimo concerto dei Green Day, per cui oltre 20mila giovani erano giunti da tutta Italia, è stato cancellato.

Raffiche di vento a 74 chilometri orari che hanno indotto i vigili a sgomberare la zona attorno al palco con 2.800 spettatori. La massa d’acqua caduta per circa 75 minuti senza interruzione è stata di oltre 200 millimetri. Il festioval è diventato subito un allagamento: allagati i ristoranti, i capannoni dell’ospitalità, saltate le apparecchiature elettriche. L’anno scorso l’Heineken era stato sospeso per problemi organizzativi. Tre anni fa la tromba d’aria e adesso il nubifragio. C’è chi dice che la zona, quella di Mestre, è nota per essere soggetta a questi disastri metereologici improvvisi. E allora perché tenere un festival di questa importanza proprio in quella zona? Il responsabile del festival, Roberto De Luca, ha detto: “Le strutture hanno retto bene dimostrando di essere sicure. Il temporale era atteso per le 3 di notte secondo il meteo. I cavi dovrebbero asciugare in quattro ore. Domani (oggi, ndr) decideremo eventuali rimborsi”. Nel 2007 i biglietti erano stati rimborsati, dovrà essere così anche quest’anno.

Ma De Luca ha aggiunto: "Tutti coloro che avevano il biglietto per ieri sono invitati a tornare oggi: potranno entrare e godersi la giornata dei Black Eye Peas e Massive Attack gratuitamente". I fan dei Green Day ovviamente non ci stanno e su Facebook cominciano le polemiche: “Ma a quelli che erano andati all’ HJF per vedere i Green Day annullati per nubifragio, cosa gliene frega di vedere oggi i Black Eyed Peas?”. E soprattutto: “Sul retro del biglietto c’è scritto: La manifestazione si svolgerà anche in caso di pioggia. In caso di cancellazione il biglietto verrà rimborsato. Quindi il biglietto deve essere rimborsato e basta!”. Staremo a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori