SANREMO 2011/ Esclusiva, parla Micaela, 17 anni, con “Fuoco e cenere”

- La Redazione

Intervista esclusiva a Micaela, da Sanremo

Michaela_R400
Micaela, foto di Angelo Oliva

Visino pulito, carina e sorridente incontriamo Michaela, giovanissima concorrente del 61° Festival di Sanremo con la canzone “Fuoco e Cenere”. Nata a Reggio Calabria nel 1993, vero completo Micaela Foti, non è priva di esperienza nonostante la giovane età.

A 3 anni ha partecipato alle selezioni per lo Zecchino d’oro, a 11 si è iscritta all’Accademia di canto e a 15 ha partecipato al programma tv Ti lascio una canzone. La canzone, dice lei, in realtà è una dedica al nonno scomparso. Complimenti Michaela, la canzone è veramente bella.

Per te che hai già calcato la scena dell’Ariston con “Ti lascio una canzone”, quali solo le differenti emozioni che ti ha regalato il Festival di Sanremo, se ci sono state?

 

Che dire Sanremo è Sanremo, le emozioni sono molto differenti, e poi durante Ti lascio una canzone ero troppo piccola, avevo 11anni e cantavo canzoni di altri. Questa volta presento un brano scritto apposta per me di cui sono l’interprete, un mio brano, una grande emozione.

Nonostante la tua giovane età, 17 anni, hai un curriculum davvero nutrito, a partire dallo Zecchino d’oro. Raccontaci questo viaggio che ti ha portato al Festival.

Diciamo che il vero inizio è stato ad 11 anni quando ho deciso di studiare canto presso l’accademia di di canto moderno di Reggio Calabria, la città dove vivo. Allo Zecchino d’oro avevo 3 anni e non ero consapevole di ciò che mi accadeva e poi a 15 anni con i primi concerti e le prime esperienze live grazie ai miei genitori. Poi è arrivato “Ti lascio una canzone", un periodo molto lungo che mi ha fatto capire che forse quel gioco poteva diventare un lavoro. A quel punto ho deciso di staccarmi dal gruppo per intraprendere un percorso, un mio progetto artistico iniziato con il singolo Da sola scritto da Gatto Panceri e Pat Legato, arrangiatore del Simple Minds, arrivando a Fuoco e Cenere il brano che porto a Sanremo 2011 .

Proprio su Fuoco e cenere si è creato un piccolo caso di probabile plagio. Dacci il tuo punto di vista.

Non è successo nulla. Sono state critiche inutili e che in realtà non avevano fondamento. La canzone che trovate su myspace e che avete tutti. Quella degli Oronero Appunto, è un provino e la canzone non è stata mai pubblicatat né su album che come singolo. La Siae ha confermato che il brano non ha ricevuto mai un guadagno. La commissione di Sanremo aveva già controllato la regolarità della canzone. Certo gli autori sono gli stessi. La canzone è la stessa, reinterpretata da me per l’occasione.
 

Vista la tua giovane età, come fai a conciliare e intrecciare la vita d’artista e quella da teenager.
 

E’ un lavoraccio, quest’anno mi aspetta anche la maturità, bisogna prendere un voto alto per poi puntare all’università. Non è facile, infatti lunedì si ritorna a scuola, ma m’impegno.
 

Quindi é un vizio cercare voti alti, visto che come credo stasera punterai al podio.
 

No, spero vada tutto bene . Per me é già un onore salire sul palco del Festival e comunque vada sono felicissima.
 

In bocca al lupo Michaela, per noi sei vincente.
 

 

Angelo Oliva

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori