GARY MOORE/ E’ morto come Jimi Hendrix, soffocato dal vomito

- La Redazione

I motivi della morte del chitarrista Gary Moore

garymoore-R400
Gary Moore

Chiarite, almeno secondo quanto riporta il quotidiano inglese The Sun, le cause della morte, a 58 anni, del chitarrista irlandese Gary Moore. Il musicista è stato trovato morto nella sua camera d’albergo in Spagna, dove si trovava in vacanza, due giorni fa. Inizialmente si era parlato di enfisema polmonare.

Poi piano piano i particolari della morte sono venuti a galla. E hanno ricordato con impressionante similitudine, la morte di un altro guitar hero, esattamente 40 anni fa, Jimi Hendrix. Gary Moore era appena giunto la sera del 5 febbraio al Kempinski Hotel sulla Costa del Sol in Spagna, un luogo che amava particolarmente, per una vacanza insieme alla sua fidanzata. Alloggiava in una delle suite che costano circa 3500 sterline a notte. Uno degli addetti dell’hotel ha detto: “Appena arrivati, volevano cenare ma il ristorante vista l’ora era già chiuso. Allora hanno consumato alcuni sandwich con una bottiglia di champagne al bar dell’albergo. Dopo una passeggiata sono tornati e Gary Moore ha bevuto alcuni bicchieri di brandy. Sembrava in buone condizioni fisiche e verso le 11 sono andati nella loro camera”.

Nelle prime ore del mattino invece la sua ragazza accortasi che qualcosa non andava ha chiamato i soccorsi. Gary Moore era in mutande e le prime testimonianze concordano con il fatto che avesse bevuto pesantemente. Uno dei presenti ha detto: “C’erano parecchi segni di consumo di alcool nella stanza”. Quindi il verdetto medico: soffocato dal proprio vomito.

Esattamente come era morto Jimi Hendrix nel 1970, anche lui nel su letto insieme alla fidanzata. Gary Moore è considerato uno dei massimi chitarristi della storia del rock, noto per la sua militanza nella rock band irlandese dei Thin Lizzy, il cui leader, Phil Lynott, era morto a 36 anni di età per colpa dell’eroina. Eric Bell, che suonò con Moore nei Thin Lizzy, non riesce a giustificare la morte dell’amico: "Era una persona fisicamente molto robusta, di buona salute". Il batterista della band, Brian Downey, ha aggiunto: "Sono scioccato. Conoscevo Gary sin dal 1967".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori