OPERA/ Sei teatri per un “Giulio Cesare” da record

- Giuseppe Pennisi

L’esecuzione in tempi moderni di opere di Georg Friedrich Händel costituisce un’impresa. La recensione di GIUSEPPE PENNISI del “Giulio Cesare in Egitto”

GiulioCesareHandelR400
Il Giulio Cesare in scena

L’esecuzione in tempi moderni di opere di Georg Friedrich Händel comporta enormi problemi. In primo luogo, la durata: l’integrale di “Giulio Cesare in Egitto” sfiora i 250 minuti. In secondo luogo, la tessitura: quando i lavori di Händel per il teatro ricominciarono ad apparire (in sostanza nella seconda metà del Novecento dopo alcuni tentativi sperimentali all’inizio del secolo), dato che i principali ruoli maschili erano stati scritti per castrati, non c’è altra scelta che abbassarli di qualche ottava per affidarli a baritoni (o anche a bassi-baritoni) oppure, come si fa adesso,  utilizzare mezzo-soprani o contralti.

In terzo luogo, l’orchestrazione era stata concepita per strumenti d’epoca, in pratica introvabili. In quarto luogo, le arie erano ripetitive  (articolate, spesso, su due “da capo”). In quarto e ultimo luogo, gli allestimenti erano difficili e onerosi poiché prevedevano frequenti cambiamenti di scena (in epoca barocca risolti tramite siparietti dipinti e complessi macchinari).

L’edizione che rilanciò il “Giulio Cesare in Egitto” in tempi moderni fu il risultato di alcuni testardi – Beverly Sills, Norman Triegle, Julius Rudel, Tito Capobianco e Ming Cho Lee – in un teatro allora secondario, la New York City Opera (fratello molto minore del Metropolitan che lo fiancheggia al Lincoln Center).  Nel 1966, Rudel non aveva alcuna ambizione filologica: tagliò a destra e a manca; Capobianco (regia) e Ming Cho Lee si ispirarono al bianco e nero di Piranesi, Cesare era incarnato dal miglior basso-baritono su piazza (Triegle) e le seduzioni di Cleopatra affidate alla Sills.

L’edizione ebbe in enorme successo; fu portata in tournée attraverso gli Usa – reggeva ancora bene alla metà degli Anni Settanta quando la compagnia visitò il Kennedy Center di Washingtion dove la vidi e ascoltai.

Il rilancio europeo ebbe luogo a Monaco di Baviera, sempre con  un basso baritono (Fischer-Dieskau) come protagonista, l’affascinante Troyanos nel ruolo della Regina d’Egitto, la bacchetta di Karl Richter (che aveva tagliato una mezz’ora di musica) e un’ambientazione abbastanza tradizionale.

Affascinante l’allestimento romano del 1984 con Margerita Zimmerman e Monserrat Caballé, con Gabriele Ferro alla guida dell’orchestra e la regia di Alberto Fassini; si era scelto un mezzo soprano come protagonista maschile. L’allestimento ebbe successo e venne ripreso qualche anno più tardi con Cecilia Gasdia nel fulgore delle sue qualità sceniche e vocali.

Una decina di anni fa vidi un allestimento, co-prodotto  dal Teatro Real di Madrid e dal Teatro Comunale di Bologna, oltre un’ora di musica veniva eliminata, tagliando completamente sette dei 45 numeri, riducendo i recitativi e operando anche all’interno delle singole arie (falcidiando i “da capo”);  lo spettacolo non durava più di tre ore e mezzo (rispetto alle oltre quattro ore delle edizioni romane del 1984 e del 1998 e di quella di Martina Franca del 1989).

I ruoli maschili erano affidati, in gran misura, a mezzo-soprani e contralti, nonostante  che nell’opera, Giulio Cesare, giunto a 54 anni d’età, in Egitto sia più seduttore che condottiero. La scrittura orchestrale non veniva modernizzata (dirigeva Rinaldo Alessandrini); non si scivolava, però, nella tentazione di aggiungerle fioriture alla Hornancourt. Luca Ronconi trattava  gli aspetti scenici con  misura: un impianto fisso con due maxischermi dove venivano proiettati spezzoni di deserti e piramidi nonché di vari “Cesare e Cleopatra” della miglior tradizione di Hollywood e di Cinecittà.

Il kitsch veniva esaltato dai costumi (dai romani in abito coloniale a Cleopatra abbigliata alla Claudette Colbert). In questo quadro, il complicato libretto di seduzioni, intrighi, tradimenti e sangue veniva letto con ironia dall’inizio alla fine.

Questi non  sono che alcuni esempi di allestimenti che ho visto e recensito: considero “Giulio Cesare in Egitto” come una pietra miliare del teatro in musica non solo per la caratterizzazione dei personaggi (insolita in un’epoca barocca dove i vocalizzi contavano più dell’evoluzione psicologica) ma anche perché anticipa – ad esempio l’uso del recitativo accompagnato che esplode in un’aria nella scena dell’appuntamento tramutato in imboscata – pure il declamato del Novecento.

L’edizione vista a Ravenna si distingue da molte altre. In primo luogo, come si è accennato, “Giulio Cesare in Egitto” è anche opera costosa da realizzare: tre atti e undici  quadri (da scene di battaglia, a serragli per harem orientali, da palazzi a prigioni, a porti). Ben otto solisti, tutti con almeno un’aria importante. L’allestimento è co-prodotto da sei istituzioni (i teatri di Ferrara, Modena e Ravenna in Italia; l’Opera Nazionale polacca di Poznman, l’Opera di Brema in Germania ed il Festival annuale Händeliano a Halle).

Concepito per essere vista e ascoltata da esperti della musica di Händel non si potevano fare sconti, specialmente sotto il profilo musicale: per questo il lavoro è affidato alla ravennate Accademia Bizantina guidata da Ottavio Dantone che utilizza un organico il più possibile simile all’originale: 28 strumentisti e l’impiego di strumenti d’epoca come la tiorba, la viola da gamba, i violoni e i flauti traversi.

Il suono ha la ruvida dolcezza (solo in apparenza una contraddizione in termini) del teatro barocco, è di grande supporto alle voci, tranne che nelle “sinfonie” che fungono da preludi o intermezzi (grandioso quello della battaglia).

Tra le voci, spiccano Sonia Prina (Cesare) e Maria Grazia Schiavo (Cleopatra)-  un po’ troppo adolescente carico di ormoni il Cesare all’ora cinquantaquattrenne e molto seducente la Cleopatra. Ambedue perfette nella chiarezza dell’emissione. José Maria Lo Monaca è una Cornelia che enfatizza gli aspetti drammatici e “larmoyant” del ruolo. Una scoperta il controtenore Paolo Florez nel ruolo di Sesto. “Cattivi”, come richiede la parte, i bassi-baritoni d’agilità Riccardo Novaro (Achilla) e Filippo Mineccia (Tolomeo). Buoni i “confidenti” dei protagonisti – sempre presenti nel teatro barocco – Floriano D’Auria e Andrea Mastoni.

Intrigante l’allestimento scenico. Non siamo nell’Egitto del 48 avanti Cristo o giù di lì, ma in un’imprecisata Africa all’epoca delle conquiste coloniali: Giulio Cesare è un novello Ulisse joycesiano alla ricerca di sé stesso e dell’origine dell’universo. Gli egiziani/africani rappresentano un mondo antico di sapienza ancestrale che si giustappone al moderno, ma transeunte di cui sono portatori i romani.

Cleopatra conquista Cesare non solo con le arti dell’eros (nella prima scena del secondo atto) ma anche in quanto portatrice di un sapere universale e antico da condurre alla conoscenza dell’anima. Funziona bene nella prima parte. Un po’ meno nella seconda quando, nelle scene di battaglia e prigione, si accentua un grand-guignol di sangue e stupri che poco a che a vedere con quanto avviene e nel golfo mistico e nel canto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori