SANREMO 2012/ Duetto Arisa e José Feliciano, “Qué Será” (video)

- La Redazione

Ieri sera nella serata evento Viva l’Italia nel mondo c’è stato anchE IL duetto fra Arisa e il leggendario artista sudamericano José Feliciano che venne a Sanremo nel 1971

feliciano_R400
Foto Infophoto

Il video. Ecco nella serata dei duetti con artisti internazionali per la serata evento  “Viva l’Italia nel mondo” l’esibizione di Arisa in coppia con il leggendario artista sudamericano José Feliciano. Arisa, già vincitrice nel 2009 nella categoria Nuove Proposte col tormentone “Sincerità” e reduce dal successo come giudice della trasmissione “X Factor”, partecipa all’attuale edizione del Festival con “La notte”. La cantante lucana duetta con José Feliciano, il cantante e chitarrista portoricano cieco dalla nascita divenuto celebre con la versione del brano dei Doors  “Light My Fire” e “Qué Será”. Quest’ultima è la versione spagnola del brano “Che sarà” scritto da Jimmy Fontana, Carlo Pes e Franco Migliacci e portata a Sanremo dai Ricchi e Poveri insieme a José Feliciano nel 1971. La versione dell’artista portoricano in lingua spagnola ebbe un successo mondiale e venne incisa anche nella versione inglese “Shake A Hand”. Introdotti dalla colonna sonora di “8 1/2 ” di Federico Fellini, entrano Arisa in abito corto smanicato bianco-grigio perla con strass e José Feliciano per niente invecchiato, con un look dal sapore anni Settanta composto da pantalone nero di pelle, giacca di velluto nero, camicia bianca aperta sul petto e crocifisso d’oro. Il cantante e chitarrista rievoca l’amicizia con Jimmy Fontana, che conobbe in Argentina nel 1966 e racconta come nacque la loro collaborazione. “Qué Será” inizia con Arisa che dà l’attacco del brano con la parte in italiano, José Feliciano prosegue in spagnolo, le strofe si alternano tra la versione italiana e quella spagnola in un crescendo fino a quando sul finale le voci si fondono per un duetto emozionante. José Feliciano viene invitato a cantare un altro brano e l’artista intona “C’era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones” proprio insieme a Gianni Morandi che ne fece un grande successo nei primi anni Settanta, al ritornello partecipa anche Arisa mentre il pubblico batte il tempo con le mani. Gianni Morandi resta particolarmente colpito dall’omaggio resogli da José Feliciano. Piccolo aneddoto: nel 1971, al momento della partecipazione di José Feliciano a Sanremo, pare che il duetto fu proposto inizialmente proprio a Gianni Morandi, che però vi rinunciò. All’epoca si disse che un artista del calibro di Feliciano avrebbe potuto mettere in ombra in quella partecipazione sanremese la carriera del Gianni nazionale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori