JOVANOTTI/ Plagio di Springsteen? Il brano “Ora” contro “Streets of Philadelphia” (video)

- La Redazione

Sulla Rete infuria il dibattito se Jovanotti con il suo brano Ora abbia copiato Streets of Philadelphia di Bruce Springsteen. Ascoltate le due canzoni in sequenza

bruce_R400
Foto Infophoto

Jovanotti contro Bruce Springsteen: la Rete dibatte e si infuria. Plagio o no? Non è una novità, l’accusa che una canzone sia stata copiata da un’altra. Ci si difende dicendo che le note del pentagramma sono solo sette e quindi è inevitabile che si finisca per fare brani che si assomigliano. Fin da quando un ex Beatle, George Harrison, fu accusato di aver copiato un brano di un gruppo vocale di colore per la sua celeberrima My Sweet Lord. Per la cronaca, fu condannato a pagare la relativa multa. Adesso spunta un nuovo caso. Qualcuno ha avvertito una somiglianza apparentemente non casuale tra il nuovo singolo di Jovanotti, il brano Ora (tratto dall’ultimo recente album; tra l’altro è curioso che visto che il disco è uscito da tempo nessuno se ne sia accorto prima), e il classico di Bruce Springsteen, Streets of Philadelphia, che vinse anche un premio Oscar, incluso nella colonna sonora del film Philadelphia. Ma davvero il cantante romano ha copiato dal più celebre collega americano? Spesso le somiglianze tra brani musicali sono volute, un modo di pagare tributo con una sorta di dedica al brano originale. Qua invece ci si chiede se si tratti di plagio: ascoltandoli, nelle battute iniziali, si può sentire in effetti una certa somiglianza nella scansione ritmica della batteria elettronica, nelle tastiere rarefatte e nell’incedere melodico. Addirittura qualcuno ha cercato di contare i battiti ritmici al minuto per vedere se fossero gli stessi. Alla fine è intervenuto lo stesso Jovanotti con un commento laconico su Twitter: “Streets of Philadelphia è un pezzo bellissimo. Uno dei miei pezzi preferiti”. Cosa avrà voluto dire esattamente? In realtà non si può dubitare della buona fede del cantante romano: se delle somiglianze fra i due brani ci sono, sono certamente involontarie. Tutti e due gli autori cercavano una atmosfera particolarmente rarefatta, intima e dolorosa, e usando lo stesso tipo di strumentazione qualche somiglianza è venuta fuori. D’altro canto addirittura Michael Jackson venne accusato da Al Bano di aver copiato un  suo pezzo…

guarda il video di jovanotti e springsteen



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori