ANTEPRIMA GIOVANI LA TRAVIATA/ Fotogallery: gli under 30 riempiono la Scala

- Giuseppe Pennisi

Come di consueto l’apertura della stagione operistica del teatro La Scala ha avuto una anteprima dedicata ai giovani under 30 con biglietti economici. di GIUSEPPE PENNISI

ScalaInternoVuotoR400
Infophoto

Dieci minuti di applausi e standing ovation, stasera alla Scala, per la Traviata dei giovani. Trionfi personali per Diana Damrau, Violetta di grandi emozioni, per Piotr Beczala e Željko Lucic, per il direttore Daniele Gatti, per Coro e Orchestra concentratissimi. Insolito colpo d’occhio nella sala del Piermarini: solo Under30, senza eccezioni,  hanno assistito allo spettacolo che sabato 7 dicembre inaugurerà ufficialmente la Stagione 2013-2014, ma che quasi duemila spettatori al di sotto dei trent’anni hanno potuto vedere in anteprima con un biglietto da 10 euro. Forte la risposta del pubblico alla regia di Dmitri Tcherniakov, cesellata con straordinario scavo psicologico, in una multipla conchiglia scenica, con sapori d’epoca, acusticamente coinvolgente.

Giornata di una Scala che è stata, questo 4 dicembre, anche oltreoceano: poco prima che a Milano iniziasse l’Anteprima, a Washington si concludeva con un trionfale bis di Traviata (“Libiamo ne’ lieti calici”) il concerto che i giovani dell’Accademia della Scala tenevano in una gremitissima sala del Music Center at Strathmore di Bethesda. Un’ora e mezza di ouverture e arie di Rossini, Donizetti, Verdi e Puccini, dirette da Daniele Rustioni, accolte con entusiasmo in crescendo fino al terzo bis, da Traviata. A sigillo dell’Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti d’America.

Questa sera finalmente occhi e telecamere puntate per l’apertura della stagione 2013-14 per la Traviata con la direzione di Daniele Gatti, la regia di Dmitri Tchemiakov, i costumi di Elena Zaytseva. E un cast superbo. Tra gli altri, Violetta Valery, Diana Damrau; Flora Bervoix, Giuseppina Piunti; Annina, Mara Zampieri; Alfredo Germont, Piotr Beczala; Giorgio Germont, Željko Lucic; Gastone, Antonio Corianò.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori