ZUCCHERO/ Io e la depressione, ecco cosa mi ha salvato dal male di vivere

- La Redazione

Anche il cantante di Zucchero nonostante successo e bella vita ha sofferto per anni di depressione, curata con il Prozac e l’aiuto psichiatrico. Lo racconta lui stesso

zucchero_R439
Immagine di archivio

In un lungo articolo pubblicato sulla rivista “Ok salute e benessere” il famoso cantante Zucchero racconta la sua battaglia contro la depressione. Una malattia, spiega, che la gente fa fatica a riconoscere, mentre invece solo una vera cura farmaceutica aiuta a combattere e anche a vincere. Zucchero racconta come per più di un anno ogni giorno prendeva il Prozac, aiutato da una persona che glie lo ricordava sempre. Anche quando era in tour e godeva già di un grande successo mondiale. “Ho sofferto di depressione, una depressione profonda, quattro anni di disperazione. Se oggi amo di nuovo la vita è per merito della psichiatria e dei farmaci” racconta. Fu nel periodo che va dal 1989 al 1993, racconta, che coincide con la pubblicazione di un disco intitolato non a caso, spiega, “Miserere”. Dopo la separazione era infatti andato a vivere da solo e aveva perso interesse per ogni cosa, anche la musica. Per evitare il rischio di cancellare una tournée mondiale, dice ancora, è ricorso all’aiuto di uno psichiatra che lo ha aiutato a uscire dalla depressione insieme alle medicine: “Una volta la chiamavano melancolia. Ed è vero che a volte uno stato d’animo malinconico ti aiuta a scrivere canzoni bellissime. A me le migliori sono venute mentre stavo male. Ho scritto Senza una donna quando mi stavo separando. Anche se in maniera ironica, anche Per colpa di chi e Diavolo in me rivelano il mio male di vivere” dice. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori