NEIL YOUNG/ Il vero nemico non è lo Stato islamico, ma l’inquinamento

- La Redazione

In una intervista il musicista canadese Neil Young ha detto che gli Stati Uniti sono peggio di Isis perché producono più inquinamento di ogni altro paese, ecco cosa ha detto

neil_young_R439
Anche Neil Young al Market Sound

Da sempre Neil Young, uno dei massimi autori di canzoni rock viventi, ha abituato a dichiarazioni controverse e provocatorie. Fa parte del suo stile, quello di un artista che crede profondamente nei suoi valori e ideali. L’ultima uscita dell’autore di Harvest, fra i suoi tanti successi, però lascia interdetti. Neil Young come si sa è un paladino della difesa ambientale, schierato contro inquinamento e politiche che danneggiano l’ambiente. Ospite del programma Howard Stern Show l’altro giorno il musicista canadese ha, tra le altre cose, ribadito il suo interesse per la lotta contro l’inquinamento, dicendo che oggi il vero problema, il vero nemico da combattere, non sia Isis e il fondamentalismo islamico, ma proprio l’inquinamento. L’esercito americano, ha detto, è oggi il più grande produttore di CO2 al mondo e invece ci preoccupiamo di combattere l’Isis, in realtà gli Stati Uniti, ha detto ancora, sono peggio dei gruppi terroristici come Isis e Al qaeda. Combattiamo guerre contro queste organizzazioni, ha aggiunto, quando i loro eserciti producono appena l’1% dell’inquinamento che produce il nostro esercito, causando più danni alla Terra che altro. A proposito della situazione in Medio oriente, ha poi detto di non preoccuparsene perché a lui le guerre non piacciono. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori