SANREMO 2014/ Chi è Alessio Boni sul palco con Giusy Ferreri in “Il mare d’inverno” di Ruggeri

- La Redazione

Alessio Boni sarà tra gli ospiti della quarta serata di Sanremo 2014 e insieme ad Alessandro Haber sarà sul palco con Giusy Ferreri per cantare ‘Il mare d’inverno’ di Enrico Ruggeri

Anni_Spezzati_IngegnereR439
Alessio Boni - "L'Ingegnere, Gli anni spezzati"

Alessio Boni sarà tra gli ospiti della quarta serata di Sanremo 2014 e insieme ad Alessandro Haber sarà sul palco con Giusy Ferreri per cantare “Il mare d’inverno” di Enrico Ruggeri. Nato a Sarnico, in provincia di Bergamo, nel luglio del 1966, Alessio Boni è il secondo di tre figli di una famiglia di modeste condizioni. Proprio la mancanza di grandissimi mezzi di sussistenza, lo ha spinto a quattordici anni ad aiutare il padre come piastrellista, per poi prestare servizio nella Polizia.

All’età di vent’anni ha quindi deciso di partire in direzione San Diego, svolgendo molte mansioni come quelle di pony express, pizzaiolo, cameriere e babysitter, per poi tornare in Italia. Dopo aver svolto le funzioni di animatore turistico ha quindi deciso di entrare nel mondo dello spettacolo, nel 1988. In un primo momento ha optato per i fotoromanzi, passando subito dopo al teatro e allo schermo, piccolo e grande.

Nel 1990 ha preso parte al film “Il mago”, alle dipendenze di Ezio Pascucci, lavorando al fianco del grande Anthony Quinn. Negli anni a seguire ha iniziato un duro lavoro di perfezionamento in cui ha potuto godere dei consigli di registi come Luca Ronconi e Liliana Cavani. Dopo essere ripartito per gli States, al fine di frequentare un corso in California, è tornato a calcare le scene teatrali del nostro Paese agli ordini di un altro mito come Giorgio Strehler.

Il suo primo ruolo di rilievo sul piccolo schermo, è arrivato nel 1998, quando ha preso parte a “Incantesimo”, in qualità di protagonista, ruolo detenuto sino al 2001. La grande popolarità è invece giunta nel 2003, quando ha preso parte a “La meglio gioventù”, film televisivo diretto da Marco Tullio Giordana, al fianco di Luigi Lo Cascio, Maya Sansa, Sonia Bergamasco, Riccardo Scamarcio e Jasmine Trinca. L’opera è stata premiata al Festival di Cannes, vincendo la sezione Un Certain Regard, iniziando una vera e propria incetta di premi prestigiosi. Tra i tanti premi vinti, il Nastro d’Argento toccato proprio a lui in qualità di miglior attore.

Un legame proficuo, quello con Giordana, che ha dato luogo ad altri due episodi importanti, “Quando sei nato non puoi più nasconderti”, nel 2005, e “Sangue Pazzo”, tre anni dopo.
Il 2005 lo ha visto protagonista anche de “La bestia nel cuore”, pellicola di Cristina Comencini che è stata candidata all’Oscar, mentre nell’anno successivo ha partecipato a “Arrivederci amore ciao”, di Michele Soavi, e a “Viaggio segreto”, diretto da Roberto Andò, al fianco di Emir Kusturica.

Altra parte che gli ha procurato grande popolarità, è stata quella di Caravaggio, nell’omonima serie televisiva trasmessa da Rai Uno nel 2008, accanto a Elena Sofia Ricci.
Ha anche preso parte alla seconda stagione di “Tutti pazzi per amore”, serie televisiva andata. in onda sempre per la rete ammiraglia della Rai. Il 2010 lo ha quindi visto protagonista nel ruolo di un agente dell’Interpol in “The Tourist”, pellicola diretta da Florian Henckel von Donnersmarck, mentre due anni dopo ha rivestito i panni del grande Walter Chiari nella fiction “Fino all’ultima risata”.

La sua popolarità è dimostrata anche dal fatto di essere stato scelto a rappresentare l’Italia in “Odysseus”, una serie internazionale che affronta il mito di Ulisse in modo del tutto originale, partendo dal punto di vista di chi è rimasto ad aspettarlo a Itaca. Nell’ultimo anno, ha anche girato “Maldamore”, pellicola diretta da Angelo Longoni, al fianco di Luca Zingaretti, Claudia Gerini e Ambra Angiolini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori