PIPERS/ “Juliet Grove” il nuovo disco della band napoletana

- La Redazione

In uscita il nuovo disco della band napoletana Pipers, intitolato Juliet Grove dal nome della strada londinese in cui hanno vissuto, ecoc di cosa si tratta in questa anteprima

pipers_R439
I Pipers

Juliet Grove” è il titolo del nuovo album dei Pipers in uscita Per Pippola Music e Flake Records (Giappone). La band è alla sua seconda prova in studio dopo “No one but us”, disco d’esordio nel 2010. I Pipers, che nascono a Napoli nel 2007, pubblicano dieci tracce racchiuse sotto il nome della strada in cui abitavano a Wolverhampton per i lavori in studio: “Juliet Grove è semplicemente il nome della strada in cui la band ha abitato a Wolverhampton durante il periodo di registrazione. Quando c’era la musica e solo quella per tutto il giorno. Si era ospiti di una coppia di indiani e ci si trovava in un sobborgo della città. In quella strada non c’era nulla di particolare ma il nome suonava bene e chi non conosce la storia può pensare che Juliet Grove sia il nome di una ragazza, una musa ispiratrice: invece è solo una strada come tante ma non per noi e per quello che ha significato”. Il disco è stato anticipato dal singolo “Ask me for a cigarette”, il cui video è stato realizzato da Giacomo Triglia. Il trio napoletano, nel corso di questi anni ha calcato gli stessi palchi di nomi noti della scena internazionale come Charlatans, Ian Brown e Starsailor e suonato in tour in UK con gli Ocean Colour Scene per quattro date, aprendo i concerti dei Turin Brakes.

Juliet Grove” è album pop-folk di gran lunga più maturo del precedente. Registrato in Inghilterra, a Wolverhampton, e prodotto da Gavin Monaghan, già al lavoro con gli Editors . Un disco in cui c’è una fortissima componente di determinazione e voglia di non stare lì a piangersi addosso solo perché le cose sono difficili: “Abbiamo fatto grossi sacrifici e ora il disco lo avete tra le mani. Questa è la nostra storia. Perché ci sono alcune canzoni che non troverete in giro così facilmente. È musica suonata, pestata sulle corde e accarezzata sui tasti. Cantata da fare entrare dentro nei momenti di scazzo, di malinconia o riflessione. È musica di cui noi Pipers andiamo fieri”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori