Justin Bieber / News: la paura della popstar canadese per la pubblicazione di “Purpose” (oggi, venerdì 6 novembre 2015)

- La Redazione

Justin Bieber, news: la popstar canadese svela di essere molto in ansia per la pubblicazione del nuovo album Purpose (oggi, venerdì 6 novembre 2015).

justinbieber2015
Justin Bieber

In vista del 13 novembre, giorno in cui sarà finalmente disponibile “Purpose”, il nuovo album di Justin Bieber, la popstar canadese comincia a sentire la tensione. Proprio Justin ha dichiarato a Billboard di essere molto preoccupato per la pubblicazione del suo nuovo lavoro. In tanti, infatti, si aspettano il salto di qualità da parte della popstar che torna protagonista della scena musicale internazionale dopo anni. “È un album molto personale – ha raccontato Bieber – In passato ho registrato canzoni che non mi piacevano e che non avrei ascoltato, ma l’ho fatto perché me lo imponeva l’etichetta. Con questo album è diverso: esprimo tutto me stesso, inclusi i momenti tristi, i momenti felici e la storia con la mia ex ragazza”. “È un disco autentico. Voglio che la mia musica possa ispirare gli altri”, ha poi concluso la star.

Sorry, il penultimo singolo tratto da Purpose, il nuovo album di Justin Bieber in uscita tra pochi giorni, è già una delle hit più ascoltate e scaricate nelle classifiche di tutto il mondo. Quale momento migliore di questo quindi per conquistare definitivamente il mercato latino proponendo un remix della canzone con uno dei più apprezzati artisti sudamericani, J Balvin. In un due brevi video pubblicati sul profilo Instagram del cantante canadese vediamo la “conversazione telefonica” tra Justin e José Álvaro Osorio Balvin, con il primo che parla in inglese e il secondo che risponde in spagnolo (clicca qui e qui per vederlo). Su Youtube troviamo invece i video realizzati dai fans con il nuovo remiz di Sorry, clicca qui per ascoltarlo.

Justin Bieber, in un’intervista rilasciata ai microfoni di “Billboard” parla a cuore aperto dei problemi che ha dovuto affrontare a causa della fama conquistata quando era solo un ragazzino. Il successo e i soldi rischiano di rovinare per sempre la vita di un adolescente al punto che la popstar canadese, per la prima volta, confessa di aver rischiato davvero la vita. Sincero come non mai, Justin Bieber ha rivelato alcuni retroscena shock del suo passato: “Potrebbe sembrare impressionante da fuori, ma sto ancora lottando. Certe cose hanno distrutto la mia fiducia nelle persone, ho passato dei momenti difficili. Mi sentivo come se la gente mi giudicasse tutto il tempo. Ne sono uscito vivo e traballante. Ma sono stato molto vicino a lasciare che la fama mi distruggesse completamente”. Parole confermate anche dall’agente di Justin Bieber, Scooter Braun che ha rivelato di aver avuto paura per l’incolumità del suo assistito: “Non potevo andare a dormire in quel periodo. Ogni notte mi chiedevo, ‘cosa succederà?’ Una volta chiesi a mio padre ‘Che cosa faccio qui?’ E lui mi ha detto: ‘Devi solo essere una roccia per lui'”.

Il cantante canadese Justin Bieber ha recentemente dichiarato di aver scritto una canzone in cui parla della propria ex compagna Selena Gomez. Tra i due in passato c’è stata una intensa storia d’amore che a quanto pare potrebbe non essersi chiusa del tutto soprattutto da parte dello stesso Bieber che a più riprese ha ammesso che Selena ha rappresentato per lui il primo vero amore della propria vita. La loro storia è finita da due anni ma Bieber non sembra ancora avere l’intenzione di voltare pagina tant’è che nelle sue recenti dichiarazioni si intravede uno spiraglio per un possibile ritorno di fiamma: “Ho scritto molta roba su di lei, forse tre canzoni. È stata dura e non so se sia finita. Penso di essere in un altro momento della mia vita e che entrambi abbiamo preso due strade diverse. La amo e voglio per lei il meglio ma ci sono ancora molte cose che ricordano lei. Ho scritto una canzone che non si trova nell’album intitolata If I Would Have Met You in Five Years”. Non resta che vedere se il futuro possa riservare un ritorno di fiamma tra i due.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori