Umbria Jazz 15 / Da Lady Gaga a Stefano Bollani, si chiude oggi l’edizione da record (19 luglio 2015)

- La Redazione

Si chiude oggi, domenica 19 luglio 2015, l’Umbria Jazz 15: per il Festival di Perugia è stata un’edizione da record, a cui hanno partecipato artisti come Lady Gaga e Stefano Bollani.

umbria_jazz_perugia
umbria jazz

Oggi, domenica 19 luglio 2015, cala il sipario su Umbria Jazz 15. Per il Festival dedicato alla musica che si tiene ogni estate a Perugia è stata un’edizione da record sotto molti punti di vista, primo fra tutti l’immenso afflusso di pubblico tradottosi in 450mila presenze complessive. La grandissima partecipazione ai concerti non conferma solo il momento felice per il jazz nel mondo e in Italia: la passione per il jazz e per il suo festival ha infatti fruttato 1 milione e 500 mila euro di incasso per oltre 35mila paganti. Anche il merchindising ufficiale ha fatto la sua parte, con oltre 100mila euro di incasso. Le migliaia di visitatori che hanno invaso il centro storico di Perugia hanno poi condiviso l’esperienza sui social network: più di 1 milione di utenti raggiunti su Facebook, oltre 100.000 interazioni tra like e condivisioni, più di 250.000 visualizzazioni video, oltre 4.000 commenti e retweet. Anche i protagonisti del Festival hanno continuamente commentato, retwittato e condiviso contenuti sui canali social di Umbria Jazz: da Gilberto Gil ai Subsonica, da Paolo Conte a Joshua Redman da Lady Gaga a Stefano Bollani, una vera comunità di personaggi entusiasti e partecipi costruita intorno al Festival. Tantissimi i contenuti finiti in rete: quasi mille post tra Facebook, Twitter e Instagram, oltre 3000 foto e video, spesso realizzate e pubblicate direttamente dal palco, in tempo reale. Anche il sito ufficiale ha conquistato il suo record, con oltre 100.000 visite e 400.000 pagine viste. Per tutti gli appassionati di musica l’appuntamento è per l’Umbria Jazz Winter#23, a Orvieto, dal 30 dicembre 2015 al 3 gennaio 2016 e a Umbria Jazz 16 a Perugia dall’8 al 17 luglio 2016.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori