NAKED TRUTH/ “Avian Thug”, torna in campo il progetto musicale di Lorenzo Feliciati

- Luigi Viva

Lorenzo Feliciati rimette in pista  la prestigiosa band  dei Naked Truth fondata insieme al batterista dei King Crimson Pat  Mastellotto. La recensione di LUIGI VIVA

Avian-thug-cover_R439
La copertina del disco

“Abbiamo registrato quello che sarebbe diventato AVIAN THUG mentre eravamo in tour, questo ovviamente ha dato una forte connotazione al materiale inciso, dopo alcuni concerti l’interazione e la telepatia era infatti, a livelli altissimi. Molto di quello che sentite nell’album è il frutto di improvvisazioni  che scaturivano dall’approfondimento degli appunti, da piccole cellule tematiche che avevamo pronte. In seguito ho riascoltato tutto il materiale, ho editato e sovrainciso alcune parti di tastiera e chitarra e Bill Laswell (che ha coprodotto l’album con me) ha missato la musica aggiungendo il suo magic touch. E’ un album importante per i Naked Truth, credo di poter affermare che è il più maturo dei tre, sono molto legato sia a SHIZARU che a OUROBOROS ma AVIAN THUG è il giusto episodio conclusivo di questa “trilogia”” (Lorenzo Feliciati).

Dopo l’ottimo KOI , album solista,  TWINSCAPES, progetto firmato insieme a Colin Edwin,  ecco l’album AVIAN THUG con il quale  Lorenzo Feliciati rimette in pista  la prestigiosa band  NAKED TRUTH  fondata insieme al batterista dei King Crimson Pat  Mastellotto. L’album esce per  la etichetta inglese   RareNoiseRecords, e fa seguito a SHIZARU del  2011(con Cuong Vu alla tromba) e  OUROBOROS pubblicato nel  2012. La formazione oltre a Feliciati , al basso elettrico, chitarre e tastiere, Pat Mastellotto alla batteria e percussioni elettroniche, vede Graham Haynes  (Cassandra Wilson, Vernon Reid, Meshell Ndegeocello,  George Adams, Ed Blackwell, Bill Laswell, Bill Dixon  etc) alla cornetta ed elettronica,  oltre a Ray Powell (Interstatic, Tony Levin, Pete Mastellotto etc) all’organo Hammond, Fender Rhodes, piano preparato  e tastiere.

La produzione dell’album è firmata da Lorenzo Feliciati  insieme a  Bill Laswell, uno dei più grandi musicisti e produttori della musica rock  anticipatore di generi, e protagonista in  decine di album storici. Una ulteriore nota di merito per il percorso musicale intrapreso da Feliciati, richiestissimo in tutta Europa e sempre più lanciato in una dimensione internazionale.

I Naked Truth in questo nuovo lavoro proseguono il loro percorso fondendo con personalità Electric Jazz, Progressive Rock, Ambient, Dub, Bop, Electronica. AVIAN THUG conferma quanto importante ed entusiasmante può essere la musica, anche quando danza e si libra sul filo della ricerca ed in territori quasi sconosciuti. Brani come Tense Shaman e Moon At Noon, con il loro incedere quasi ipnotico, ritorni d’eco, folgoranti suoni di tromba inseguono e quasi nascondono la melodia, distillata come bene prezioso. 

Finezze strumentali, arrangiamenti ricercati, richiami ai grandi del passato da Terry Riley a John Cale, ai percorsi del leggendario Robert Waytt. Tavolozza ricca di colori la title track aperta dalle risate di un gruppo di gremlins, riprodotte dai synth, profumi di progressive, improvvisi flash evocativi delle grandi band di un tempo. Trap Door è aperta dalla elettrica di Feliciati con le distorsioni che sembrano uscire da una colonna sonora di Morricone e la tromba di Graham Haynes, quasi davisiana, volteggia sulla sontuosa base ritmica.La s perimentale Day Two at Bedlam caratterizzata da sequenze minimali, intriga pensando alla ‘potenza di fuoco’ che questa formazione esprime dal vivo.

Un gran bel lavoro, intelligente ed intrigante. Consigliato “vivamente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori