CONCERTO DEI POOH / Stadio Olimpico e news: il messaggio di Red Canzian dopo lo show (oggi, 16 giugno 2016)

- La Redazione

Concerto dei Pooh, news di giovedì 16 giugno 2016. La band è in giro per l’Italia per festeggiare i 50 anni di carriera: un successo clamoroso la tappa allo stadio Olimpico di Roma. 

poohR439
Pooh - Infophoto

Anche Red Canzian, come Roby Facchinetti, ha sfruttato i social per ringraziare i numerosi fan dei Pooh accorsi allo stadio Olimpico di Roma per vedere il loro concerto. “GRAZIE ROMA! Ed è facile da dire, con quello che Roma, l’Olimpico e i 50.000 cuori pulsanti di ieri sera ci hanno regalato… un entusiasmo incredibile fin dall’inizio, i cori infiniti, oltre dieci OLA che scuotevano lo stadio e la magia di una notte perfetta… sopra di noi c’era perfino la luna… una luna piena a vegliare su questo momento magico… Grazie Roma!“, è il post apparso sulla sua pagina Facebook questa mattina. “Red, ma dal palco ti sei reso conto dell’inferno che hai scatenato con Stare senza di te? Complimenti, sei la punta di diamante di una perfetta macchina da guerra…”, scrive una fan del cantante veneto. Clicca qui per vedere il suo post

Grande successo ieri sera a Roma per i Pooh, che dopo i due concerti allo Stadio San Siro di Milano si sono esibiti all’Olimpico. La storica band italiana ha dato via a un tour che li porterà non solo negli stadi ma anche all’Arena di Verona e nei palazetti italiani per una serie di concerti organizzati per celebrare i loro 50 anni ma anche per chiudere definitivamente la loro carriera. Anche il concerto a Roma si è rivelato un vero successo e non potevano mancare i ringraziamenti suoi social dei protagonisti. “Grazie Roma! Grazie Roma!Il vostro entusiasmo, unito ai vostri interminabili applausi e alle continue OLA… tutto questo si traduce in amore per la nostra lunga storia musicale. Ancora e ancora grazie per l’indimenticabile serata che ci avete regalato. Prossimo appuntamento; Messina! Vi aspetto tutti, ma proprio tutti!”, ha scritto sulla sa pagina Facebook Roby Facchinetti. Clicca qui per vedere il post 

Fan d’eccezione ieri sera allo stadio Olimpico a Roma per il concerto dei Pooh. Alessia Marcuzzi ha infatti assistito allo show con tutta la sua famiglia allargata: Roby Facchinetti della band è il nonno di Mia, la bimba che la presentatrice ha avuto da Francesco Facchinetti. Alla fine dell’esibizione Alessia Marcuzzi ha scelto di scattare un selfie per immortalare il ritorno a casa dopo la serata trascorsa in musica: “alessiamarcuzzi#aboutlastnight #dopoconcerto #pooh #stadioolimpico #lapinellalazy #lettone” (clicca qui per vedere la foto). La band si è riunita per la tappa romana del ‘tour’ con il quale festeggiano i 50 anni di carriera: Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian e Stefano D’Orazio hanno cantato di nuovo in compagnia di Riccardo Fogli. A fine anno ci sarà poi lo scioglimento. 

Di sottofondo i Pooh cantano “Nel buio”: “Quell’ombra è svanita e io sono vicino a te / nel buio, sola non sei più / tu stringi le mie mani e senti che è tanto lontana la notte ormai” mentre Tommaso Inzaghi – figlio di Alessia Marcuzzi e Simone – tiene in braccio la sorellina Mia – nata dalla relazione tra la mamma e Francesco Facchinetti – nel video apparso sui social. I due fratelli sono stati ripresi dalla Marcuzzi durante il concerto dei Pooh, con nonno Roby Facchinetti, allo Stadio Olimpico di Roma. “Lui e lei #pooh #concerto #stadioolimpico #snipulnonvuolelecuffie #evvivanonnoroby #tommyandmia #tuttiinsieme”, ha commentato la Marcuzzi. Nel video infatti si vede la piccola Mia che si toglie le cuffie. Clicca qui per vedere il video

C’era anche Alessia Marcuzzi ieri sera allo stadio Olimpico, a Roma, per il concerto dei Pooh. La conduttrice è andata con il marito Paolo Calabresi Marconi, il primogenito Tommaso (nato dalla relazione con Simone Inzaghi) e la piccola Mia. Insieme a loro anche Francesco Facchinetti, figlio di Roby Facchinette dei Pooh e padre di Mia, e sia moglie Wilma Helena Faissol, da cui l’ex dj Francesco ha avuto due bambini. “Eccoci #aboutlastnight #tuttiinsieme #pooh #concerto #stadioolimpico #snipul @frafacchinetti @ladyfacchinetti @tomminza9 #lapinella e #paolo”, ha scritto Alessia Marcuzzi sul Instagram commentando la foto del gruppo. La serata allo stadio per vedere l’ex “suocero” Roby Facchinetti è la prova che la Marcuzzi è riuscita a mantenere ottimi rapporti con il suo ex e padre di sua figlia. Clicca qui per vedere la foto 

Mentre Roma vive ancora i postumi del concerto dei Pooh allo Stadio Olimpico di ieri sera, Messina si preparare ad accogliere la band e i suoi fan per la serata di sabato 18 giugno. In occasione del concerto che si svolgerà allo Stadio “Franco Scoglio” è stato organizzato, dall’Azienda Trasporti Messina in collaborazione con il Comune,  un servizio speciale di navette bus e tram che saranno operative dalle ore 16 alle 21 e dalle 24 sino a fine servizio. Ci sarà anche un biglietto – dal valore di 1,70 euro – che comprenderà la sosta delle autovetture nei parcheggi comunali (Annunziata, Cavallotti, Zaera) e la corsa andata/ritorno con il tram sino al capolinea Bonino, dove si troverà la navetta per il concerto (costo 2 euro). Al termine del concerto le navette bus faranno capolinea all’Annunziata. Tutte le informazioni e notizie utili sul sito della ATM.

Ieri sera sugli spalti dello Stadio Olimpico di Roma per il concerto dei Pooh c’era anche Francesco Fachinetti, figlio di Roby storico componente della band. Il figlio di Facchinetti ha postato numerose foto e video del concerto a cui ha portato anche la piccola Mia, figlia nata dalla relazione con Alessia Marcuzzi. Poco fa Francesco ha pubblicato il video in cui suo padre dal palco presenta il brano “Pierre” che è stato dedicato alle vittime di Orlando: “Un brano che abbiamo inciso nel ’76. Trattava un argomento molto delicato e pensavamoo sinceramente che certi discorsi non ci fossero più, che le cose nel tempo fossero cambiate… invece la follia dell’uomo ancora una volta ha massacrato 50 persone. Questo brano lo vogliamo dedicare a questi innocenti”, dice Roby mentre la nipotina Mia urla di sottofondo “nonno”. Francesco ha così commentato il video: “Ecco la dedica che ieri mio padre ha fatto davanti ai 50 mila dell’Olimpico in ricordo delle vittime di Orlando. Come potete sentire li chiama INNOCENTI e non in altro modo”. Clicca qui per vedere il video

Dopo i due concerti allo stadio di San Siro a Milano e la data romana all’Olimpico, i Pooh si preparano per il concerto allo stadio “Franco Scoglio” di Messina, sabato 18 giugno 2016. La Giunta municipale, presieduta dal sindaco Renato Accorinti, ha autorizzato la società “Musica e Suoni” a gestire con  i parcheggi ubicati nell’area dello stadio in occasione del concerto. La società dovrà poi versare, entro il 31 luglio 2016, il 15% dell’incasso netto derivato dalla vendita dei tagliandi di parcheggio. Le tariffe stabilite sono di 13,50 euro per le Aree rossa, gialla e verde e di 8,50 euro per quella blu. L’Agenzia dovrà anche provvedere alla pulizia e alla scerbatura dell’area interessata.

Concerto dei Pooh gremito di fans quello di ieri sera allo Stadio Olimpico a Roma: la band si è riunita per la tappa romana del ‘tour’ per festeggiare i 50 anni di carriera. I Pooh cantano di nuovo insieme a Riccardo Fogli per questi ultimi concerti in vista dello scioglimento definitivo a fine anno. Ieri sera una delle canzoni del concerto dei Pooh è stata dedicata alle vittime di Orlando, la strage di qualche giorno fa in un locale gay della città della Florida, strage che ha fatto 50 vittime e 50 feriti. I Pooh hanno cantato in ricordo delle vittime il brano ‘Pierre’ scritto 40 anni fa per l’album ‘Poohlover’ del 1976 e considerato un inno contro l’omofobia. La scaletta era composta da 50 brani, tanti quanti sono appunto gli anni di carriera della band: nel concerto dei Pooh Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian e Stefano D’Orazio, di nuovo in compagnia di Riccardo Fogli hanno ripercorso il loro mezzo secolo di carriera. (clicca qui per vedere il video della dedica)

Ieri sera allo Stadio Olimpico di Roma è andata in scena il terzo concerto dei Pooh, dopo le due date milanese a San Siro. La band non solo ha infiammato i cuori dei fan con le loro canzoni “evergreen” ma ha anche paralizzato la Capitale. Su Twitter tanti commenti sul concerto, ma in tanti si sono anche lamentati della situazione del traffico: “Roma nord bloccata per concerto dei Pooh all’Olimpico: “se ve levate dalle palle riempiamo lo stadio”. Non c’è altra spiegazione possibile”, “Lungotevere tutto bloccato perché all’olimpico c’è il concerto dei pooh. Annamo bene” e “Sono in auto bloccato da massa gente concerto dei Pooh. .. che roba”. C’è chi commenta con ironia citando proprio una celebre canzone dei Pooh: “Esci da studio e rimani imbottigliato nel traffico causa uscita dal concerto dei Pooh: Dio delle città e dell’immensità!”.

Ieri sera allo Stadio Olimpico si è vissuta un’altra tappa del Reunion Tour dei Pooh, un concerto che ha regalato sicuramente emozioni e grande musica. Il prossimo appuntamento è al diciotto giugno quando la band che quest’anno compie cinquanta anni di attività sarà allo Stadio San Filippo di Messina. La città siciliana è già pronta per questo spettacolo che nelle anticipazioni conta circa trentamila spettatori. Il Comune si è già mosso per quanto riguarda i venditori ambulanti e i parcheggiatori abusivi, sottolineando che potrebbero esserci delle multe davvero molto salate. Dei parcheggi si occuperà direttamente l’agenzia ”Musica e Suoni” e inoltre sarà prolungato il servizio Atm delle navette anche nel post-concerto. Una città si riunirà quindi per ascoltare la musica di questa famosa band, dando lustro a uno spettacolo che sarà sicuramente incredibile.

Allo Stadio Olimpico di Roma si sta tenendo il concerto dei Pooh, un altro, ennesimo, successo per la band che festeggia i cinquanta anni di attività. Per l’occasione del Reunion Tour è tornato a bordo anche Riccardo Fogli che aveva lasciato il gruppo addirittura negli anni settanta. Lo Stadio capitolino è incredibilmente pieno con grande affluenza di persone di tutte le età, tanto che c’è qualcuno che si è lamentato per l’eccessivo traffico a Roma Nord dove si trova proprio l’Olimpico. E’ un’emozione unica per il gruppo che sta vivendo un altro meritato omaggio da chi da sempre vive, si innamora, sogna e vede la realtà attraverso gli occhi della loro musica.

Il Concerto dei Pooh è uno degli appuntamenti che in questa estate vedrà protagoniste molte città per il Reunion Tour. Stasera la band che compie quest’anno mezzo secolo di attività è allo Stadio Olimpico di Roma. Sono molte le lamentele da parte del pubblico del web per come è stata gestita la situazione vista la grande affluenza di fan provenienti da tutta Italia. Roma-Nord infatti è stata per gran parte del pomeriggio totalmente bloccata con tantissime autovetture, oltre ai pullman organizzati, tutti diretti allo Stadio posto nella zona di Ponte Milvio. Sicuramente però almeno chi avrà poi goduto dello spettacolo sarà stato molto felice perchè ne sarà valsa la pena di fare magari un’ora di coda.

Sta seguendo con grande amore il concerto dei Pooh impegnati nel Reunion Tour. Lo storico gruppo italiano è arrivato al cinquantesimo anno di attività, pronto a seguire una strada importante che però porterà allo scioglimento definitivo di questa. Non è nei pensieri quel momento perchè ci sono ancora molte date da godersi e i Pooh questo lo sanno. Stasera sono allo Stadio Olimpico di Roma e avranno anche una tifosa in più. Si tratta della figlia proprio di Francesco e nipote di Roberto Facchinetti. Il giovane cantante, che ha fatto coppia con il padre a The Voice of Italy in passato, seguirà ancora l’evento in diretta su Periscope e scrive su Twitter postando una foto del padre con la piccola: “Il nonno e la piccola MIA sono pronti per il concerto dei Pooh. Farò anche la diretta dallo Stadio Olimpico su Periscope”, clicca qui per la foto e per i commenti dei follower.

Per i Pooh è quasi giunto il momento di salire sul palco dello stadio Olimpico di Roma, dove questa sera delizieranno i loro fans con i grandi successi di una carriera lunga 50 anni. La novità di questa tourné è sicuramente la presenza di Riccardo Fogli, uscito dal gruppo nel lontano 1973 e tornato a suonare con Roby Facchinetti e gli altri in occasione del cinquantesimo anniversario della band. Sui social, il bassista ha ingannato l’attesa scattandosi un selfie poi pubblicato su Facebook: “Ci Siamo….manca Poco”. Come Fogli, anche il pubblico romano non vede l’ora che giunga l’ora X e ha risposto al suo post con oltre 220 like in meno di mezz’ora. Clicca qui per vedere la foto e tutti i commenti.

Manca davvero pochissimo all’inizio del concerto che i Pooh terranno allo stadio Olimpico di Roma per celebrare la reunion e i 50 anni di carriera. I membri del gruppo hanno condiviso sui social le loro emozioni prima dello show e anche Dodi Battaglia ha voluto esprimersi con parole sue. Dodi ha infatti pubblicato su Twitter una foto scattata questo pomeriggio nello stadio, con il palco visto dal basso: “Ciao a tutti, poche ore ancora e verremo avvolti dal vostro abbraccio. A questa sera! #Pooh50 #Reunion #Pooh”. Anche i fans dei Pooh non vedono l’ora di abbracciarlo e in poco tempo il tweet ha raccolto oltre una trentina di like: clicca qui per vederlo.

Red Canzian, il tastierista dei Pooh, ha vissuto una sorta di “notte prima degli esami” nelle ore notturne che hanno preceduto il concerto della band che andrà in scena questa sera allo Stadio Olimpico di Roma. Su Facebook, il musicista ha voluto raccontarla così ai fans: “Ed p sempre emozione e batticure…Come sempre, prima di un evento importante, mi sveglio presto, la mattina…come quando andavo a scuola… non riesco a dormire, ho voglio di pensare, ma è un bel tipo di batticuore che mi carica… e anche stamattina è successo così… sono rimasto disteso, ad occhi chiusi, a ripassare tutto quello che oggi dovrò probabilmente fare e dire, ho visualizzato il palco, perfino le mie mani sulla tastiera, i miei amici con me…in una sorta di “ripasso prima degli esami“. Poi arriva davvero il momento di alzarsi e cominciare la giornata… e allora ecco le prime immagini dello Stadio Olimpico…che riesce ad essere bello e avvolgente da vuoto… da pieno sarà fantastico… a stasera!!!”. Canzian ha anche allegato un video per mostrare ai seguaci della band il palco su cui si esibiranno e la vista che si gode da lì, aggiornandoli anche sul tempo previsto per stasera: clicca qui per vedere il video.

Stasera allo stadio Olimpico di Roma andrà in scena l’attesissimo concerto dei Pooh, che dopo la reunion sono in tour in giro per l’Italia per festeggiare con i fans i loro 50 anni di carriera. Ieri Roby Facchinetti ha voluto condivere coi fans un video girato proprio allo stadio, dove il gruppo si era recato per il primo sopralluogo: “Siamo appena arrivati allo stadio Olimpico di Roma e voglio condividere con voi tutta la mia emozione, è bellissimo pensare che domani sera su quelle sedie ci sarete voi! Io vi sto già aspettando! ?#?Pooh50? ?#?Reunion? ?#?Olimpico? Roby”. Al termine del video il cantante dà appuntamento ai fans con un caloroso: “Ci sentiamo domani…è prorpio il caso di dirlo”. I fans sono pronti per lo sshow e hanno già risposto a Facchinetti con oltre 3800 like. Clicca qui per vedere il video.

Dopo i due concerti allo Stadio San Siro di Milano, i Pooh si esibiscono all’Olimpico di Roma. In occasione del tour la band ha presentato il nuovo brano “Ancora una canzone”, un inedito scritto da Stefano D’Orazio e Roby Facchinetti,  che farà parte dell’album registrato durane le due serate di San Siro (il 10 e l’11 giugno). L’album uscirà il 16 settembre e verrà pubblicato in due versioni: una contenente 3 cd e l’altra 3 cd e un dvd con il live del concerto. Il 30 settembre, invece, verrà distribuito il “5 vinili picture” (cinque LP con 5 diverse copertine, ognuna raffigurante i componenti del gruppo), la versione limitata “P.U.L.S.E. (Pooh Ultra Limited SuperFan limited Edition)” e il cofanetto con tre cd, un dvd, un docufilm con immagini del backstage del tour e un libro di 200 pagine con la storia della reunion, interviste e foto esclusive dei Pooh.

Concerto e uscita di scena con effetti speciale quella che promette l’ultima apparizione dei Pooh che interverranno oggi, mercoledì 15 giugno 2016, all’Olimpico di Roma. La band che alle sue spalle può contare 50 anni di successi, si è riunita proprio per festeggiare una carriera così forte. Il loro tour Reunion – L’ultima Notte Insieme calerà definitivamente il sipario sugli interventi del gruppo che sta girando da giorni in diverse città italiane. Delle serate di sicuro emozionanti, compresa la più recente tappa di Milano, all’insegna della musica italiana e di hit che hanno fatto cantare negli anni diverse generazioni di fans. Le canzoni Pensiero e Piccola Kathy sono solo due degli esempi che portano alto il vessillo dei Pooh, ma se ne potrebbero elencare molti altri. La loro presenza allo stadio romano non sarà comunque un addio al successo che invece si trova ancora a livelli molto alti. Si registra infatti il tutto esaurito anche per quest’ultima data, sia per i pacchetti Silver e Gold con cui i fans hanno avuto accesso a diversi altri vantaggi esclusivi. L’apertura dei cancelli è prevista per le 16:00 per chi possiede infatti i pacchetti Vip Diamond, mentre alle 17:30 verranno aperte le porte anche per il resto del pubblico. La scaletta riporta 50 brani, 50 come gli anni con cui i Pooh hanno cavalcato le hit parade ed i cuori degli italiani. Da Giorni Infiniti dell’86, intonata in apertura, 50 primavere del ’92, prevista per la parte centrale della serata, per poi chiudere in bellezza con l’intramontabile Chi fermerà la musica, Pensiero e la più recente Ancora una canzone, brano inedito del 2016. I fans impazziscono in queste ore sui social, ancora in attesa dal settembre scorso. Una conferma di quanto i Pooh riescano a riunire oltre che i membri del proprio gruppo, anche migliaia di italiani di tutte le età: “finalmente ci sarò dopo 50 anni a sentire le loro canzoni”; “e chi dorme stanotte?”; “sembre bravissimi, un vero pilastro della musica italiana”. Clicca qui per vedere gli altri commenti sul profilo ufficiale dei Pooh

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori