DAVIDE BERARDI/ “Fuochi e Fate”: il nuovo disco

Caldo, semplice, e salutare per il corpo e la mente. Questo è il nuovo album di Davide Berardi: FUOCHI E FATE, eccolo in anteprima. La recensione di MARIA CHIARA SACCHETTI

07.06.2016 - Mariachiara Sacchetti
davide_berardi_R439
Davide Berardi

Caldo, semplice, e salutare per il corpo e la mente. Questo è il nuovo album di Davide Berardi: . Ballate melodiche, ritmate nella giusta misura tra accordi diversi che danno il giusto tono alla veridicità e alla bellezza esemplare di questo album che io non riesco a non ascoltare costantemente. Come una sorta di colonna sonora quotidiana che ti accompagna dalla mattina alla sera in queste calde giornate estive. Descriverò solo le prime cinque tracce, il resto è per voi…

Povero Fess, primo brano, una sorta di racconto di noi stessi allo specchio, quando ci guardiamo e cerchiamo di fingere a noi stessi, insoddisfatti della nostra esistenza, un io insospettabile e diverso. Indescrivibile è assolutamente quella che amo di più, mi riporta alla voce calda e delicata di Concato, un racconto di estate , di fuochi , di fate, di notti insonni guardando le stelle , parlando nel silenzio della notte con qualcuno, e raccontare sempre di una lei. Bruxelles: Qui ho ritrovato un Fabrizio De André più melodico , duro, “tosto”, vero, ironico e diretto, un testo esemplare, una piccola perla che dovrebbe fare il giro del pianeta, così la definirei. Supervisionario: è quella che si dovrebbe ballare tutta questa notte, tra Gazzè e Mannarino, ma con lo stile inconfondibile di Davide Berardi che riesce a dare sempre quel pizzico di sale in più che ti fa salare sulla sedia. Supervisionario è la danza più bella della stagione 2016 Un testo geniale, logico e veloce, vorremmo essere tutte quella Giulietta, ma questo lo capirete solo ascoltando. Mi sento una formica: non riuscirei a paragonarlo a nessuno, perché ha raggiunto il suo top, una commovente dichiarazione d’amore, uno strazio dolcissimo che ti culla e ti intristisce, che ti fa sognare e risvegliare da un cielo soffice. La dolcezza è penetrante , la speranza che trasmette è quasi consolatrice per chiunque l’ascolti. E’ la ripetizione nelle cuffie prima di versare quella lacrima, su quel ricordo.

Un Davide Berardi magnifico, geniale, penetrante e decisamente meritevole di girare il mondo con queste sue canzoni, perché se ha fatto innamorare una cinica come me, allora potrà solo sciogliere i cuori di tutti coloro che passano una mano su queste note.

I commenti dei lettori