JUSTIN BIEBER/ News: cambio di strategia per il suo ultimo video. Addio Vevo? (oggi, 30 luglio 2016)

- La Redazione

Justin Bieber, news: la popstar avrebbe rinunciato ad un ingaggio di 5 milioni di dollari ad un party repubblicano, anche dopo aver parlato con il manager Scooter Braun

justin_bieber_2016_R439__new
Justin Bieber

Non si spengono le polemiche attorno alla pop star canadese Justin Bieber per via della sua presunta volontà di cantare nella campagna politica di Donald Trump per la corsa alla Casa Bianca (cosa che gli sarebbe stata impedita dal proprio agente secondo quanto riportato dal sito TMZ). Intanto ci sono novità per quanto concerne l’ambito professionale del canadese che è tornato protagonista rilanciando il suo album Purpose, da cui ha estratto un nuovo singolo con tanto di video. Si tratta del brano Cold Water. Il relativo video oltre ad essere stato girato con i Major Lazer e a presentare una certa attrattiva, segna un deciso cambiamento di strategia di marketing in quanto per la pubblicazione sul web rispetto al passato, Bieber ha abbandonato VEVO passando al proprio canale personale. Quale sarà il motivo?

È ufficiale. Martin Garrix e Justin Bieber stanno collaborando a un nuovo progetto. Il giovanissimo dj e produttore olandese, noto per la hit “Animals” che ha venduto 10 milioni di copie, ha confermato i rumors su un nuova collaborazione con il cantante canadese: “Stiamo ancora lavorando su delle idee. Non c’è fretta da entrambe le parti. Ci sarà una canzone in futuro”, ha detto a MailOnline. Garrii ha già collaborato con grandi nomi del panorama internazionale come Ed Sheeran, Usher, Avicii e Tiesto. Oggi, venerdì 29 luglio, esce “In The Name Of Love” feat. Bebe Rexha, il nuovo singolo di Garrix, che ha recentemente concluso un accordo con la Sony Music Entertainment.

Justin Bieber rinuncia ad un concerto per il suo manager? Sembrerebbe proprio di sì. Il cantante canadese aveva infatti ricevuto un’offerta di 5 milioni di dollari per suonare ad un Grand Old Party repubblicano, che è stata però rifiutata. Come riporta TMZ, una fonte avrebbe rivelato al magazine che la popstar avrebbe dovuto suonare per circa 45 minuti all’evento: il compenso sarebbe stato uno dei più alti per l’artista, considerano l’unica giornata di lavoro. Justin Bieber, inizialmente, avrebbe considerato seriamente l’idea di accettare, forte anche della sua nazionalità canadese: ma il suo manager Scooter Braun ha sempre sostenuto Hillary Clinton e, dopo aver lasciato carta bianca al cantante, gli avrebbe però anche fatto presente che non sarebbe più stato in grado di rappresentarlo se avesse scelto di partecipare. Da qui è scaturita dunque la scelta di Bieber di propendere per il ‘no’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori