Calendario Concerti / Emma Marrone, Biagio Antonacci, Zucchero e molti altri (dal 12 al 18 settembre 2016)

- La Redazione

Calendario concerti, questa settimana, dal 12 al 18 settembre 2016, sono in programma molti appuntamenti con la grande musica: Emma Marrone, Biagio Antonacci, Zucchero e molti altri

emma_marrone_instagram_R439
Emma Marrone

Nella settimana tra lunedì 12 e domenica 18 si svolgeranno moltissimi concerti che porteranno sui palchi di tutta Italia gli artisti più amati dai fan. Il 14, il 16 e il 17 settembre il Palalottomatica ospiterà le due date romane del tour di Biagio Antonacci. Il cantautore milanese, impegnato nel suo Biagio Live 2016, torna a calcare le scene del Forum di Assago e del Palazzetto romano, portando in tournée tutte le sue nuove hit e altri successi più che decennali che continuano ad appassionare i fan. La hit che apre il concerto è la nuovissima Ci Stai, già grande successo tra i fedelissimi di Antonacci, che mormora una richiesta di aiuto e devozione per poi esplodere in una dichiarazione d’amore. Antonacci ha dichiarato che questo sarà un ‘concerto di vita’, ideale per rimettere in ordine le idee e scoprire quante volte è meglio tacere senza sprecare troppe parole, troppi ti amo e troppe certezze, vivendo solo le emozioni che il momento regala. Grande ritorno sulle scene anche per la cantante salentina Emma Marrone, che il 16 e il 17 settembre calcherà il palco del Mediolanum Forum di Assago, vicino Milano. ”Adesso Tour” porta in giro per i palazzetti d’Italia il nuovissimo album di Emma, intitolato proprio ‘Adesso’. La cantante della provincia leccese non ha mai fatto mistero di essere una persona estremamente legata alla filosofia del carpe diem, amante della vita e del coglierne tutte le occasioni e sfumature, ed ha dato voce a questa sua esigenza dedicando il suo album all’avverbio di tempo presente. Le due hit più amate dell’album, secondo la stessa Emma, sono sicuramente Io di te non ho paura e Il Paradiso non esiste, ma l’occasione del tour è buona per la Marrone (che le fan chiamano affettuosamente ”Chicca”) per ripercorrere la sua storia musicale che l’ha portata da Amici al successo internazionale. La location magica e senza tempo dell’Arena di Verona, invece, ospiterà il concerto del grande maestro Zucchero ”Sugar” Fornaciari. Nei giorni 16, 17 e 18 settembre Zucchero sarà impegnato proprio in Arena nello ZuccheroArena2016, un complesso di eventi che andrà avanti quasi tutte le sere fino alla fine del mese di settembre. Il nuovo album del maestro di Reggio Emilia, intitolato tra il serio e il faceto ‘Partigiano Reggiano’ (giocando sull’assonanza tra memoria storica e gastronomia) ha già spopolato soprattutto in radio, dove risulta uno dei più trasmessi, soprattutto per quanto riguarda la hit ”13 buone ragioni”, lamento autoironico e blues di un uomo ferito nell’orgoglio. La hit che dà il titolo all’album, invece, è una ballata sensuale, surreale e molto rock che permette di penetrare ancora di più nell’orgoglio delle radici emiliane del musicista.

Alla UnipolSai Arena di Bologna, invece, il 17 settembre saranno in concerto gli Who, storico gruppo musicale rock inglese che ha segnato la storia della musica internazionale. Il tour degli Who, che si intitola ‘Hits 50!’, è un evento che va avanti da due anni, cioè dal 2014, ed è stato organizzato dagli stessi Who per festeggiare i 50 anni di carriera. Ripercorrere la storia musicale con questa band senza tempo significa, per i fan, fermare le lancette dell’orologio sulle canzoni del proprio cuore. Il tour è stato annunciato nel giugno del 2014 tramite i canali social della band, che ha scelto di cominciare a girare il mondo partendo dagli Emirati Arabi Uniti. In questo tour gli Who hanno deciso di dedicare la propria performance a sperimentazioni e tentativi musicali mai provati, ed hanno dato spazio ad esibizioni mai svolte prima. Un esempio su tutti, la storica band ha portato sul palco per la prima volta in versione integrale la performance di A Quick One (While He’s Away), una hit scomoda e molto diretta. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori