OZZY OSBOURNE / E quando il suo alano leccò tutta la sua cocaina? (oggi, 8 gennaio 2017)

- La Redazione

Ozzy Osbourne: un simpatico aneddoto del re del metal trasgressivo. L’artista nasconde una dose di coca alla vista di Sharon, ma è il loro cane a trovarla… (8 gennaio 2017). 

ozzyosbourne_facebook
Ozzy Osbourne (immagine d'archivio)

Per un personaggio come Ozzy Osbourne non possono che esistere migliaia di aneddoti e storie da raccontare, che come è avvenuto in questi giorni, diventano subito virali. E tutte che rispecchiano l’animo dell’artista: eccentriche e trasgressive. La più famosa è sulla bocca di tutti, complice la presenza di numerosi fan e esponenti dei media. L’aver strappato con un morso la testa di un pipistrello durante uno dei suoi concerti non poteva di sicuro passare inosservato, ma se fosse stato un episodio legato a sé, di sicuro si sarebbe potuto parlare di finzione da palcoscenico. Per Ozzy Osbourne non è così, sempre alle prese con il mondo degli eccessi, anche in fatto di droghe. Lo dimostra un piccolo racconto su un evento accaduto al cantante, presente all’interno del libro di Massimo Cotto “Rock bazar – volume secondo”. In un’occasione, Ozzy Osbourne fa uno dei suoi soliti acquisti di cocaina, che prontamente nasconde all’interno di un libro. Il suo primo pensiero è che la moglie Sharon non trovi la dose. Ecco il perché del libro. E di sicuro l’artista non poteva immaginare che subito dopo non avrebbe più trovato il suo prezioso tesoro. E’ finito infatti nelle mani di Sharon, che dopo averlo insultato, soffia via la cocaina che ha appena riversato su un foglio. Accade l’imprevisto: l’alano di famiglia esce di scatto dalla cuccia e lecca tutta la droga, subendone quindi gli effetti. Dopo aver evacuato abbondantemente, inizia a correre per il giardino, visibilmente euforico e fuori controllo, tanto da devastare qualunque cosa incontri sul suo cammino. Gli effetti svaniranno due giorni più tardi, quando ormai l’animale, per il tanto correre, avrà perso 2 kg. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori