PAUL McCARTNEY E I DIRITTI DEI BEATLES/ Il baronetto raggiunge l’accordo con la Sony (oggi, 1 luglio)

- Annalisa Dorigo

Paul McCartney trova l’accordo con la Sony/Atv sui diritti dei Beatles: dal 2018 potrà tornare ad essere di nuovo proprietario di ben 267 canzoni della band inglese.

michael_jackson_facebook
Michael Jackson

La Sony/Atv e Paul McCartney hanno finalmente trovato un accordo sulla complicata e lunga querelle relativa ai diritti delle canzoni dei Beatles. Dal 2018 il baronetto potrà quindi guadagnare dei proventi di ben 267 hit della storica band e da lui scritte insieme a John Lennon, anche se attualmente non sono noti i termini che hanno portato ad un simile accordo definito ‘confidenziale’. Tale decisione è arrivata dopo che Paul McCartney ha citato la Sony in tribunale lo scorso gennaio, citando il Copyright Act degli Stati Uniti del 1976, secondo il quale dopo 56 anni è possibile tornare in possesso dei propri diritti d’autore.

Per questo motivo, dal prossimo 5 ottobre 2018 e via via fino al prossimo 2026 il baronetto potrà tornare ad essere proprietario delle incredibili hit dei Fab Four a partire dagli indimenticabili Love Me Do e All You Need is live. Tali diritti erano stati acquisiti nel 1985 da Michael Jackson per 50 milioni di euro e solo alla sua morte erano stati venduti dai suoi eredi alla Sony/Atv per coprire la propria necessità di fare cassa velocemente. Il risultato raggiunto da Paul McCartney può essere considerato un vero successo: solo qualche mese fa, infatti, i Duran Duran avevano perso una querelle simile senza riuscire successivamente a trovare un accordo. Difficile credere però che tra la Sony e il Baronetto sia finita qui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori