EMMA MARRONE / La cantante ricarica le batterie e si dedica al nuovo album

- Annalisa Dorigo

Emma Marrone, il dramma di Barcellona e il nuovo album. Ha deciso di isolarsi dal mondo per ricaricare le batterie e ritrovare la concentrazione necessaria per completare il suo nuovo lavoro

Emma_Marrone_wikipedia_2017
Emma Marrone

Emma Marrone ha messo da parte i bagordi delle vacanze estive per dedicarsi nuovamente a se stessa e alla musica. La coach di Amici, dopo avere trascorso diverse settimane ad Ibiza e in Salento, ha deciso di riprendere la concentrazione, dirigendosi in uno splendido posto immerso nel verde. Tra un po’ di palestra (necessaria per smaltire i chili di troppo) e il cibo sano, la Brown intende ricaricare le pile come da lei stessa dichiarato su Twitter. Nel suo profilo ha infatti scritto: “Buongiorno. Posto stupendo. Batterie ricaricate. Ho messo in ordine tutti i pensieri “. Non c’è tempo da perdere, infatti, per completare il progetto del nuovo album atteso con grande trepidazione dai tanti fan della cantante. L’uscita dovrebbe essere prevista per il 2018, eppure la speranza che essa possa essere preceduta da un singolo non manca tra il nutrito seguito della Brown.

EMMA MARRONE: IL PENSIERO ALLE VITTIME DI BARCELLONA

Nella ricerca della concentrazione, necessaria per portare a termine il suo nuovo lavoro, Emma Marrone non perde l’occasione di ricordare le vittime dell’attentato terroristico di Barcellona. Sempre al suo profilo Twitter, ha infatti riservato il commento: “Senza parole davanti all’ennesima tragedia dell’umanità #Barcellona”. Tale affermazione è stata accolta positivamente dai fan, che hanno notato come la Brown sia stato uno dei pochi artisti a mostrare sensibilità per questo attentato terroristico. Già in passato Emma ha evidenziato grande sensibilità ai problemi della società attuale, come ad esempio il dramma dei rifugiati o dei bambini in Siria. A inizio agosto, infatti, era stata protagonista insieme ad altri musicisti italiani del concerto di beneficenza organizzato a Vulci (intitolato Live For Syria) per raccogliere fondi per la costruzione di una scuola nel paese distrutto dall’Isis.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori