Enrico Ciacci, morto il fratello chitarrista di Little Tony/ Red Ronnie pronto per l’ultimo saluto

È morto Enrico Ciacci, a insegnare al fratello Little Tony la passione per il rock’n’roll americano accompagnandolo sempre dal vivo. E’ morto ieri a 75 anni di età

14.03.2018 - Paolo Vites
little-tony-fratello
Little Tony con il fratello Enrico sul palco

Tra quelli che lo hanno voluto ricordare c’è anche Red Ronnie, perché la morte di Enrico Ciacci, fratello chitarrista di Little Tony, ha sconvolto tutto il mondo dello spettacolo. E’ così che proprio Red Ronnie sul suo profilo di Twitter ha voluto sottolineare: “Stasera alle ore 21.00 per salutare Enrico Ciacci sul canale Roxy Bar Tv nell’app FlippsItausers lo storico Barone Rosso di 4 ore con Enrico, Alberto Radius e Bobby Solo”. Un ricordo che ci porterà probabilmente a scoprire più a fondo l’immagine di un artista che non tutti conoscevano, ma che era uno dei migliori chitarristi del nostro paese. Un ricordo che speriamo sia lungo e che si renda più presente nel mondo dello spettacolo, spesso frenetico e pronto a dimenticare anche situazioni che in passato hanno regalato opportunità interessanti. Stasera da Red Ronnie ci sarà modo di ricordare Enrico Ciacci, speriamo che siano molti altri a prendere il suo esempio. (agg. di Matteo Fantozzi)

IL RICORDO DI FIORELLO

Rosario Fiorello ha voluto ricordare al morte di Enrico Ciacci il fratelo chitarrista di Little Tony. Sono stati tantissimi i messaggi ricevuti per questo splendido artista che ci ha lasciato all’improvviso dopo una carriera splendida. Fiorello ha sottolineato all’Ansa: “Mi dispiace molto per la notizia della scomparsa di Enrico Ciacci. Era un chitarrista davvero sopraffino. Lo saluteremo a Radio Deejay“. Sicuramente saranno molte le situazioni che regaleranno grande commozione di fronte a uno splendido artista come Enrico Ciacci che era amato veramente da tutti. Fiorello ha poi aggiunto: “Ha vissuto sempre al fianco del fratello Little Tony seguendolo con grande amore e accompagnandolo nei suoi successi. Anche Enni Morricone lo volle nelle sue più splendide colonne sonore come ”Per un pugno di dollari” di Sergio Leone’‘. (agg. di Matteo Fantozzi)

L’AMORE PER LA MUSICA TRASMESSO AL FRATELLO

La musica e il mondo dello spettacolo piangono la morte di Enrico Ciacci il fratello chitarrista di Little Tony. Grande personalità e presenza scenica era stato lui a iniziare proprio Little Tony alla musica, passandogli il testimone di una passione incredibile per la musica. Fin da giovanissimi i due hanno coltivato quest’amore nella musica che si è trasformato, anche se in modi diversi, per entrambi in una professione. Enrico Ciacci oltre che chitarrista era un uomo saggio che aveva trovato nella musica la sua definizione più pura, dimostrandosi artista a trecentosessanta gradi. Di certo presto avremo la possibilità di assistere a diversi momenti interessanti in televisione in questi giorni dove ci sarà la possibilità di vedere ancora una volta protagonista uno splendido chitarrista come Enrico Ciacci. (agg. di Matteo Fantozzi)

LA CARRIERA NEL CINEMA

È morto a 75 anni Enrico Ciacci fratello di Little Tony e personaggio di rilevanza della musica italiana. In passato proprio Enrico Ciacci aveva avuto grande successo nel mondo del cinema italiano con interpretazioni musicali anche se solo lungo l’anno 1967. In questo recita in tre film e cioè Marinai in coperta, Peggio per me… meglio per te e Vendo cara la pelle. In tutte e tre le opere è riuscito a dimostrare grande intelligenza nella gestione delle sue parti con una voce che ha illuminato gli schermi italiani. Marinai in coperta è una commedia diretta da Bruno Corbucci nel 1967 e nel cast vede comparire anche Ferruccio Amendola come attore e non nel ruolo di doppiatore. E’ sempre Bruno Corbucci a dirigere anche Peggio per me… meglio per te con nel cast Katia Christine. Il terzo film invece Vendo cara la pelle è un western che è stato diretto da Ettore Maria Fizzarotti. (agg. di Matteo Fantozzi)

GRANDE CHITARRISTA E FRATELLO DI LITTLE TONY

Non era conosciuto come nome al grande pubblico ma la sua chitarra lo era. Enrico Ciacci, fratello di Little Tony, è morto ieri a 75 anni: era stato lui a trasmettere al fratello la passione per il primo rock’n’roll, tanto da farlo diventare una specie di Elvis Presley italiano. Insieme al terzo fratello Alberto già da giovincelli avevano fondato un gruppo rock, un dono di famiglia quello della musica: il padre cantante e fisarmonicista, lo zio chitarrista. Alberto si ritirò dalle scene mentre gli altri due fratelli continuarono a comporre, incidere ed esibirsi insieme per tutta la vita, fino alla morte di Little Tony nel 2013. Tutti e due rimasero per sempre gli emuli di Elvis e di quel rockabilly che aveva cambiato il mondo della musica negli anni 50. Enrico aveva firmato le musiche di tutti i film in cui era apparso il fratello fino a incidere l’immortale parte di chitarra che si sente nella colonna sonora del film di Sergio Leone “Per un pugno di dollari”, nelle musiche scritte da Ennio Morricone, una accoppiata perfetta che nel suono descriveva la malinconia, la solitudine, l’emarginazione di quel Far West inventato.

ENRICO CIACCI: CONQUISTÒ MARK KNOPLER DEI “DIRE STRAITS”

Mark Knopfler, l’ex chitarrista dei Dire Straits, un giorno chiamò Morricone per sapere il nome di chi suonava la chitarra in quella colonna sonora, tanto ne era rimasto affascinato. Uno dei primi messaggi di saluto è venuto da Fiorello: “Mi dispiace e molto la notizia della scomparsa di Enrico Ciacci. Era un chitarrista sopraffino. Ha vissuto sempre al fianco del fratello Little Tony seguendolo con amore e accompagnandolo nei suoi successi”. Enrico aveva firmato due dei successi del fratello, Quando vedrai la mia ragazza e Il ragazzo con il ciuffo, aveva anche una sua band con cui amava esibirsi in giro per l’Italia a proporre le sue sonorità, La Cricca, poi diventata La Nuova Cricca. Era ricoverato in ospedale, la notizia della sua morte l’ha data il manager di entrambi i fratelli, Pasquale Mammaro. Aveva suonato nei dischi di moltissimi cantanti, da Luigi Tenco a Gino Paoli, da Sergio Endrigo a Gianni Morandi fino a Claudio Baglioni nella sua Sabato pomeriggio. Dal vivo aveva suonato per Mina, Domenico Modugno e Paul Anka. 

I commenti dei lettori