“Mick Jagger fortunato ad essere vivo”/ Il fratello Chris: “dovrà fare meno concerti”

- Paolo Vites

Parla il fratello di Mick Jagger, Chris: dovrà rallentare la sua attività concertistica, “fortunato ad essere vivo”

Chris Jagger
Chris, a sinistra e il fratello Mick Jagger

Pochi lo sanno, ma il cantante dei Rolling Stones, Mick Jagger, ha un fratello musicista anche lui. Lo sanno in pochi perché Chris Jagger, 71 anni, non ha mai sfiorato le classifiche con i suoi dischi né ha mai approfittato del fratello per farsi pubblicità. Ha preferito una carriera discreta e appartata, innamorato della musica di New Orleans, con pochi ma ottimi dischi. Chris ha concesso una intervista esclusiva al quotidiano inglese The Mirror in cui parla delle condizioni dell’illustre fratello che come si sa si è dovuto sottoporre a una improvvisa e imprevista operazione al cuore, il cambio di una valvola mal funzionante, scoperta per puro caso. Infatti Chris dice che “Mick è fortunato a essere vivo, il suo problema è stato scoperto per puro caso grazie a una visita di routine, lui non aveva avvertito alcun problema”. Un caso simile fu quello dell’ex cantante dei Clash, che invece non ebbe la stessa fortuna, Joe Strummer morto nel 2002 a soli 50 anni: “Si sentiva bene, aveva portato fuori il cane ed era tornato a casa. La moglie lo ha trovato senza vita seduto sul divano”.

MENO CONCERTI PER MICK JAGGER

Problema uguale, una valvola mal funzionante, anche se nel caso di Strummer si è trattato di un caso ereditario i quanto il padre era morto per lo stesso problema”. Moltissima gente, ha spiegato Chris Jagger, ha questi problemi ma non lo sa perché si sottopongono raramente a visite mediche: “A una certa età bisogna essere attenti e sottoporsi regolarmente a visite mediche” ha aggiunto. Ha scherzato che il fratello non ha dovuto mettersi in fila al servizio sanitario, visto che è una stella del mondo dello spettacolo è stato operato immediatamente. Ha detto poi di essere andato a trovarlo e che lo ha trovato molto bene, è ancora ricoverato in ospedale a New York e ha aggiunto che “probabilmente adesso dovrà rallentare la sua attività, andare in tour causa stress al cuore”. Gli Stones hanno dovuto cancellare tutte le date previste in America ma hanno promesso che sono solo rimandate. Staremo a vedere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA