IUC/ Il miglior acquisto musicale a Roma

- Giuseppe Pennisi

Il programma includeva sette concerti barocchi; di cui quattro – il ciclo di Le Quattro Stagioni di Seasons di Vivaldi – sono molto famosi

DSC 4459 00004
Foto Claudio Rampini

L’11 maggio 2019 sono andato all’ultimo concerto in abbonamento della stagione 2018-2019 dell’Istituzione Universitaria dei Concerti (IUC) a Roma. La stagione si conclude a maggio perché l’auditorium si trova all’interno del campus dell’Università La Sapienza e, a partire da giugno, i professori e gli studenti sono molto impegnati con esami e discussioni delle tesi. Il concerto è iniziato quasi mezz’ora dopo l’orario previsto, le 17.30. Perché? Oltre agli abbonati, la IUC si rivolge a appassionati di musica classica che acquistano i biglietti al botteghino all’ultimo momento. Le code erano così lunghe che il concerto doveva cominciare in ritardo per accogliere il pubblico. Eppure non tutti hanno potuto ottenere i biglietti ed entrare nella sala. Un segno eloquente dell’interesse per la musica classica nella capitale.

L’auditorium è stato riempito in tutte le categorie di posti. C’erano molti giovani e persino bambini dall’età di circa sei anni in poi. Il programma era attraente; i musicisti conosciuti a livello internazionale. I prezzi sono circa la metà di quelli nella serie di concerti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia; inoltre, sono previsti sconti generosi per gli studenti, i professori universitari – un gruppo a basso reddito in Italia come ovunque – e le loro famiglie.

Il programma includeva sette concerti barocchi; di cui quattro – il ciclo di Le Quattro Stagioni di Seasons di Vivaldi – sono molto famosi. I musicisti erano il Concerto Köln, un ensemble tedesco di prim’ordine, con Giuliano Carmagnola come violinista solista. Sia il Concerto Köln che Giuliano Carmagnola sono spesso in tournée internazionali e hanno fatto molte registrazioni che hanno ricevuto numerosi riconoscimenti. Il Concerto Köln suona strumenti d’epoca ed è “ambasciatore culturale” dell’Unione Europea; l’11 maggio, la violinista giapponese Mayumi Hirasaki ha preso il comando dei quattordici solisti. Carmagnola suona un “Baillot” di Stradivari di proprietà della Cassa di Risparmio di Bologna. A causa dell’avvio del concerto in ritardo, il Concerto Köln e Carmagnola hanno deciso di saltare l’intervallo di venti minuti. Così, si sono esibiti per quasi due ore senza un momento di pausa

Prima del capolavoro popolare di Vivaldi Le Quattro Stagioni, il concerto ha proposto tre brani che il pubblico non conosceva. La serata è iniziata con il Concerto in re minore, Op. 2 n. 1, di Evaristo Felice Dall’Abaco, un contemporaneo di Vivaldi, che ha lavorato per diversi anni come Konzermeister alla Corte di Baviera. È un pezzo relativamente breve in quattro movimenti quasi minuscoli, in cui Concerto Köln si è riscaldato per il resto della serata; due dei quattro movimenti sono allegri  brillanti . Il secondo pezzo è stato il Concerto in re maggiore di Charles Avison, n. 6. Nel Regno Unito, Avison è conosciuto soprattutto perché ha diffuso la musica italiana, in particolare Domenico Scarlatti. Infatti, il suo Concerto in re maggiore è parte del ciclo Seven Concertos in Seven Parts dopo Scarlatti . Nel largo , si potevano sentire le melodie delle sonate di Scarlatti.

Per il terzo brano – Concerto in re minore di JS Bach per due violini, archi e continuo, BWV 1043 – Carmignola si è unito al Concerto Köln. Lui e Mayumi Hirasaki sono esplosi in un gioioso confronto con l’orchestra: il primo movimento è un vivace , il terzo un allegro e il secondo un largo ma non tanto . I trilli dei due violini erano avvincenti.

Le Quattro Stagioni di Vivaldi non ha bisogno di presentazioni. Questa esecuzione ha avuto un particolare tocco: ci ha ricordato che Vivaldi era un violinista virtuoso prima di diventare un noto compositore, un teorico della musica, un maestro di cappella e un docente molto appassionato e apprezzato. Mayumi Hirasaki e Giuliano Carmagnola, così come il resto dell’ensemble, erano eccezionali, come riconosciuto dal pubblico.

In conclusione: se vi capita di essere a Roma, fate attenzione alla IUC: è il miglior acquisto musicale in città.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA