Myriam Catania, l’incidente in moto/ “Quattro giorni in coma, un anno senza memoria”

- Elisa Porcelluzzi

Anni fa Myriam Catania è stata vittima anni fa, che le costò alcuni giorni di coma e un’operazione maxillofacciale. Al suo fianco c’era Luca Argentero.

Myriam Catania Instagram 640x300
Myriam Catania (Instagram)

Anni fa, quando ancora stava con Luca Argentero, Myriam Catania è stata vittima di un terribile incidente. L’attrice e doppiatrice l’ha raccontato nel 2020 a Verissimo: “Ero in motorino, avevo appena comprato casa e non conoscevo bene le strade. Era stato tolto uno stop, e la scritta per terra si era cancellata (infatti la municipale mi ha dato ragione). Una macchina mi ha preso in pieno in faccia”. Dopo l’impatto Myriam è riuscita ad alzarsi e a telefonare a suo padre. Restò per quattro giorni in coma indotto e, oltre ai gravi danni al volto, per un anno ebbe problemi di memoria a causa delle cure: “Mi tenevano il cervello “fermo”, prendevo dei farmaci per abbassare l’attività cerebrale per non avere crisi epilettiche. Non mi ricordavo nulla”, ha spiegato a Domenica Live. Al suo fianco c’è sempre stata la mamma, Rossella Izzo: “Non mi ha mai lasciata, non è andata in bagno”.

Myriam Catania: l’incidente, il coma e l’operazione

Anche Luca Argentero è rimasto al fianco di Myriam Catania, all’epoca dell’incidente erano fidanzati: “È rimasto seduto per terra, non si è mai alzato. Gli ho detto “Mi aspetterai?” e lui mi ha risposto “Ti aspetterò sempre”…”, ha raccontato nel salotto di Canale 5. Dopo l’incidente la doppiatrice ha subito un’operazione maxillofacciale, per riallineare le fratture. Il medico che l’ha operata era stato consigliato da Christian De Sica, che a sua volta aveva rischiato di perdere un occhio a causa di un incidente con i fuochi d’artificio. Anche la zia Simona Izzo, a Domenica Live, ha ricordato quel difficile periodo della vita della nipote: “È stato il momento più difficile della nostra vita. Mi sentii male e chiamai mia sorella che rispose con un urlo. Pensavo fosse morta mia madre”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA