Nasa, nuove tute spaziali per il ritorno sulla Luna/ Più confortevoli e tecnologiche

Nasa, nuove tute spaziali per il ritorno sulla Luna: presentata nelle scorse ore, ecco tutti i dettagli dei nuovi indumenti

nasa tute 2019 ig
Nasa, le nuove tute spaziali (Instagram)

La Nasa ha presentato le nuove tute spaziali per permettere agli astronauti di meglio compiere le prossime missioni oltre i confini della terra. Il nuovo sistema sviluppato dall’agenzia statunitense si chiama Exploration Extravehicular Mobility Unit (xEMU) e riguarderà precisamente il programma lunare Artemis (il ritorno sulla Luna è previsto nel 2024). Le nuove tute spaziali verranno adattate anche per altre destinazioni, ed inoltre, sono state progettate per resistere ad un’escursione termica incredibile, compresa fra i meno 250 gradi e i più 250. Si tratterà di tute che permetteranno una mobilità ben più ampia rispetto a quella permessa in passato, proprio per favorire una migliore esplorazione del suolo lunare. Anche grazie a questi nuovi indumenti, gli astronauti del futuro potranno svolgere delle operazioni molto complesse. “Con i miglioramenti delle tute per le missioni Artemis – le parole di Marshall Smith, direttore dei programmi di esplorazione lunare umana della NASA, riportate da Wired – gli astronauti ora possono ora aprire nuove possibilità per la scienza e l’esplorazione sulla Luna”.

NASA, NUOVE TUTE SPAZIALI: ECCO LA ORION

Un’altra tuta presentata dalla Nasa è stata la Orion (Orion Crew Survival System OCSS), realizzata di colore arancione per permettere di rendere facilmente riconoscibili i membri dell’equipaggio in caso di ammaraggio. Rispetto alla sua antenata, la nuova Orion presenta un casco differente che permetterà di ottenere maggiore confort a chi la indossa, nonché di svolgere funzionalità migliori. Il casco, inoltre, sarà disponibile in taglie diverse, aiuterà a ridurre il rumore, e avrà un sistema di connessione più semplice rispetto a quelle precedente. Con questa tuta gli astronauti potranno affrontare condizioni ambientali non semplici come la presenza di polvere e situazioni termiche estreme, ed inoltre, potranno camminare, guidare i mezzi, raccogliere i campioni, e lavorare ovviamente in differenti condizioni di gravità, come appunto avviene sulla Luna. Gli scienziati della Nasa assicurano che le tute potranno essere eventualmente usate anche su Marte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA