Nathaly Caldonazzo/ Foto inedita con Massimo Troisi: “Quell’invito a pranzo…”

- Valentina Gambino

Nathaly Caldonazzo pubblica una fotografia inedita in compagnia di Massimo Troisi: ecco il breve racconto.

nathaly caldonazzo massimo troisi instagram

Nathaly Caldonazzo ha pubblicato uno scatto inedito in compagnia di Massimo Troisi, a pranzo insieme. Nella didascalia della foto anche il messaggio: “E finalmente l’invito pranzo arrivava…”. Proprio i ristoranti di Roma, furono galeotti all’epoca, per i due. “Ci siamo conosciuti in un ristorante di Roma. Mangiava e mi fissava. Uscendo l’ho salutato, perché mi aveva fissato per tutto il tempo. Lui rimase stupito. Lo conoscevo per fama, quando ero piccola mia madre mi portava a vedere i suoi film ma io non mi divertivo, non lo capivo. Poi, conoscendolo, ho scoperto una persona molto bella, particolare”, ha rivelato lei intervistata da Caterina Balivo durante la scorsa edizione di “Vieni da me”. Dopo quell’incontro, fu Massimo Troisi a cercarla: “Mi cercò per una settimana e riuscì a recuperare il mio numero di telefono. Uscimmo a bere un caffè. Avevo 24 anni, lui 39 anni. Siamo stati insieme nei suoi ultimi due anni”.

Nathaly Caldonazzo pubblica una foto con Massimo Troisi

Perdere Massimo Troisi per Nathaly Caldonazzo è stato un colpo molto duro da metabolizzare: “Per una ragazza di 24 anni è troppo presto per subire un lutto d’amore. Quando il tuo compagno di vita va via stai male, ci ho messo tanto a riprendermi, ma sono contenta di averlo conosciuto. Lui aveva molta paura della morte, ma da buon napoletano la esorcizzava, faceva finta di non avere quella patologia cardiaca”. Proprio in queste settimane, Stefano Veneruso, nipote di Troisi, tra le pagine di Grand Hotel ha parlato di questa relazione tra lo zio e l’ex star del Bagaglino, affermando di non ricordarla al suo fianco: “In quel periodo – sottolinea Veneruso – accanto a Massimo c’eravamo noi della famiglia. lo ero con lui dal mattino alla sera e sinceramente Nathalie Caldonazzo non me la ricordo proprio. Il grande amore di mio zio è stato soltanto uno: la scrittrice e sceneggiatrice torinese Anna Pavignano. Finita la loro storia d’amore, infatti, hanno continuato a collaborare artisticamente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA